— via Bassa II, 18
Campodarsego (PD)
Osterie Moderne
sempre
tutte
Turno di chiusura: martedì; sabato a pranzo
Ferie: primi dieci giorni di ottobre
Dalla cucina continuano a uscire ancora taglieri con salumi ricercati e formaggi poco conosciuti. Ma c’è una ricca proposta di pizze classiche e di pizze alte. E poi di piatti saporiti...

C’era un tempo in cui il lunedì si faceva fatica a trovare un locale aperto. Dopo il weekend, tutti chiudevano per il turno settimanale. Così Luca Olivan pensò di posticipare il giorno di chiusura al martedì e di fissare ogni lunedì un appuntamento: bollicine italiane, vini francesi, i grandi rossi, i Supertuscan… I banchi d’assaggio, con una ventina di referenze, permettevano all’ospite di costruire degustazioni orizzontali o mini verticali. Mentre, dalla cucina, uscivano formaggi e salumi.

Ora moltissimi locali hanno cambiato giorno di chiusura, ma il lunedì è rimasto “il” giorno delle grandi degustazioni di Osterie Moderne, il locale a una quindicina di chilometri da Padova che il venerdì organizza serate con le birre artigianali e che d’estate apre il giardino disegnato, come gli interni, da Demo Ciavatti, l’architetto che aveva firmato il Cocoricò di Riccione, simbolo del divertimento degli anni d’oro sulla Riviera romagnola.

Dalla cucina, nelle mani di Platt Tomasz Jerzy, continuano a uscire ancora taglieri con salumi ricercati e formaggi tutti da scoprire. E poi piatti saporiti come i ravioli con ripieno di cacio e pepe, la picanha di sorana italiana su pietra ollare o la fiorentina di Black Angus scozzese. O ancora dolci come la “1000 foglie con crema chantilly”. Ma c’è una ricca proposta di pizze classiche e di pizze alte create da Chirita Nicolae Adrian. Al di là delle serate, il locale, oggi guidato da Luca Olivan e Novella Gioga, ha una cantina ricchissima perché Osterie Moderne è ristorante, enoteca e winebar.

Dalla A4 uscire a Padova Est e seguire la nuova Statale del Santo verso Castelfranco. Uscire a Bragni/Bagnoli e seguire le indicazioni verso Sant’Andrea di Campodarsego.