Home » News

News

Venezie a Tavola, la festa per i 10 anni con 10 star e importanti imprenditori del food

Venezie a Tavola, la storica guida diretta da Luigi Costa, ha percorso fino a oggi un lungo cammino per raccontare la cultura enogastronomica delle Venezie. Un territorio ricco di eccellenze e grandi chef, che Luigi Costa e la sua squadra hanno negli anni scoperto e valorizzato, premiandoli grazie al contributo di aziende attente ai sapori di queste terre.

Quest’anno, la guida è arrivata a tagliare un importante traguardo: i suoi primi 10 anni di vita. Per festeggiare il suo primo anniversario a due cifre, oggi a Vicenza ha organizzato un grande evento celebrativo che ha visto la presenza di 10 chef stellati i più importanti imprenditori del settore agroalimentare e che è stato anche l’occasione per presentare la nuova edizione della guida e attribuire i Premi Venezie a Tavola 2020 ai migliori chef delle Venezie di quest’anno.

Ad aprire l’evento celebrativo, moderato da Alessandra Viero, giornalista e conduttrice televisiva, sono stati Luigi Costa e Filiberto Zovico, direttore e editore di Venezie a Tavola, che hanno presentato in anteprima l’edizione 2020 della guida.

Sono seguiti gli interventi dei rappresentanti delle aziende sponsor dell’evento, Marco Lebiu, direttore commerciale Berto’s, Matteo Bortoli, responsabile marketing strategico e comunicazione Lattebusche, e Andrea Rigoni, presidente e amministratore delegato Rigoni di Asiago, che hanno presentato le loro realtà, vere eccellenze del territorio delle Venezie.

Dopo i saluti di Marco Colognese e Antonio Di Lorenzo, collaboratori di Venezie a Tavola, è seguita un’intervista a Giannola Nonino, presidente di Nonino Distillatori, che ha parlato dei sapori e delle tradizioni che rendono grande il territorio esplorato dalla guida di Luigi Costa.

E’ seguito uno dei momenti più attesi dell’evento celebrativo: l’intervento di 10 chef stellati e “amici di vecchia data” della guida Venezie a Tavola: Nicola Portinari, chef del Ristorante “La Peca” di Lonigo (Vicenza), che dalla macelleria di famiglia è arrivato a conquistare due stelle Michelin; Paola Secchi, che dirige con sicurezza il ristorante stellato “Perbellini” di Isola Rizza (Verona), seguendo anche il servizio in sala; Lorenzo Cogo, chef del Ristorante “El Coq” di Vicenza, classe 1985, che ha conquistato la stella Michelin a soli 25 anni; Alessandro Dal Degan, chef del Ristorante “La Tana Gourmet” di Asiago (Vicenza), cuoco-erborista classe 1981 che conosce ogni germoglio, erba o radice che cresce sul suo amato Altopiano; Corrado Fasolato, chef del “Spinechile Resort” di Schio (Vicenza), che ha conquistato la stella Michelin a soltanto 9 mesi dall’apertura del ristorante; Alessandro Gilmozzi, chef del ristorante stellato “El Molin” di Cavalese (Trento), che da trent’anni fa ricerca in cucina collaborando con produttori del territorio trentino; Alessio Longhini, chef del Ristorante “Stube Gourmet” di Asiago (Vicenza), che prima della stella Michelin ha lavorato con Corrado Fasolato e Norbert Nierderkofler; Michela Scarello, sommelier, responsabile di sala e proprietaria assieme al fratello Emanuele del ristorante due stelle Michelin “Agli Amici” di Udine. E ad augurare “buon compleanno” alla guida Venezie a Tavola è stato anche, in collegamento video, Norbert Niederkofler, chef tre stelle Michelin del Ristorante “St. Hubertus” di San Cassiano (Bolzano), che ha fatto della sostenibilità la sua filosofia nella vita e in cucina.

Al termine dell’appuntamento,  sono stati assegnati i Premi Venezie a Tavola 2020 ai migliori chef delle Venezie selezionati dalla guida di quest’anno. Davide Botta del Ristorante “L’Artigliere” di Isola della Scala (Verona) è stato premiato da Elisabetta Serraiotto, responsabile marketing e comunicazione Consorzio Tutela Grana Padano, con il Premio “Ristorante dell’Anno”; Mattia Baroni del Ristorante “Bad Schörgau-La Fuga” di Sarentino (Bolzano) ha ricevuto il Premio “Ristorante emergente” da Valeria Tessari, responsabile commerciale Giannitessari Wine; il Ristorante “AlpiNN” di Brunico (Bolzano) ha ricevuto il Premio “Ricerca e Innovazione” da Marco Lebiu, direttore commerciale Berto’s, mentre Benedetta Fullin del Ristorante “Local” di Venezia, è stata premiata da Marco Schiavo, amministratore Distilleria Schiavo, come “Donna di Spirito”; Davide Parise del Ristorante “Alla Veneziana” di Schiavon (Vicenza) è stato premiato da Matteo Bortoli, responsabile marketing strategico e comunicazione Lattebusche, con il Premio “La cucina che onora il territorio”, mentre Matteo Bressan del Ristorante “La Peca” di Lonigo (Vicenza) è stato premiato da Alberto Ugolini, brand ambassador Santa Margherita Gruppo Vinicolo, come “Sommelier delle Venezie”. Renzo Dal Farra del Ristorante “Locanda San Lorenzo” di Puos d’Alpago (Belluno) ha ricevuto il premio come miglior “Cantina delle Venezie” dalle mani di Stefano Milani, responsabile vendite Italia Masi Agricola, mentre ad Omar Zorzetto del Ristorante “Da Omar” di Jesolo (Venezia) è andato il premio per “La miglior carta delle bollicine”, consegnato da Nicola Lorandini, responsabile vendite Italia Canevel, al sommelier del ristorante, Gabriele Cosco; a Nathalie Trafoier del Ristorante Kuppelrain di Castelbello (Bolzano) è andato il premio “Gusto dolce delle Venezie”, che le è stato consegnato da Andrea Rigoni, presidente e amministratore delegato Rigoni di Asiago, mentre Marco Rossi del Ristorante “Vecchia Malcesine” di Malcesine (Verona) è stato premiato da Giorgio Polegato, presidente Astoria Vini, come miglior “Maître delle Venezie”. E, infine, Rosario Giannattasio della Pizzeria “Acqua&Farina” di Vicenza, è stato premiato da Riccardo Agugiaro, amministratore delegato Agugiaro e Figna Molini, con il riconoscimento “La Pizzeria delle Venezie”.

28 Ottobre 2019
Dettagli
“Venezie a Tavola”: ecco i migliori chef delle Venezie

Sono stati assegnati questa mattina, in una sala affollatissima della Tenuta Astoria a Refrontolo (TV), i Premi della Guida “Venezie a Tavola 2019”, la storica guida enogastronomica diretta da Luigi Costa giunta alla nona edizione che racconta i 173 ristoranti, 39 pizzerie, 25 vini e 22 prodotti migliori delle Venezie.

Prima di assegnare i prestigiosi riconoscimenti, i leader di alcune tra le aziende premianti si sono soffermati a raccontare la situazione dell’industria agroalimentare del Triveneto e a delineare le opportunità e i rischi della prossima fase. Il padrone di casa, Giorgio Polegato, presidente di Astoria Vini e di Coldiretti Treviso, ha sottolineato che si è trattato di una annata eccezionale in termini di produzione che ha riportato i prezzi delle uve a livelli “normali” dopo il boom dello scorso anno. “Il nostro sforzo – ha sottolineato Polegato – è quello di proseguire in un cammino iniziato da poco per posizionare il Prosecco su una fascia più alta di quella attuale, attraverso il lavoro di alcuni brand capaci di differenziarsi da produzioni più di massa”.

Gli ha fatto eco il presidente delle cantine Masi e di Federvini, Sandro Boscaini, che ha sottolineato che il problema principale delle Venezie è di avere una grande cultura del prodotto ma di essere assolutamente fragili, anche nel confronto con le altre regioni italiane, in termini di cultura d’impresa capace di di posizionare prodotti su quella fascia alta che garantisce marginalità. “Ma anche il territorio ha un problema – ha dichiarato Boscaini – se sulla doc delle Venezie si è creata una confusione incredibile tra Venezia, Venezie e Tre Venezie”.

Infine Antonio Bortoli, direttore generale di Lattebusche, ha analizzato la situazione del lattiero-caseario sostenendo che, dopo un ottimo 2017, nei primi mesi di quest’anno la situazione è precipitata ai livelli del 2016. Secondo Bortoli il problema è che si continua a pensare che sia sufficiente produrre, mentre viene trascurato il posizionamento del prodotto sopratutto all’estero. In tema di enogastronomia, invece, è stato il direttore della Guida Luigi Costa a tratteggiare un quadro ottimistico sulla cucina del nostro territorio. “È una cucina che continua a crescere di qualità e i ristoranti che premiamo con questa nona edizione della Guida testimonia proprio questo”.

Al termine dell’incontro, al quale hanno partecipato oltre 60 chef dei più prestigiosi ristoranti del Triveneto e un centinaio di produttori di eccellenza di diversi settori, sono stati assegnati i Premi Venezie a Tavola 2019: Claudio Melis del ristorante In Viaggio di Bolzano premiato come “Ristorante dell’Anno”; Alessandro Rossi di Villa Selvatico (Roncade, TV) come “Ristorante emergente”; Andrea Valentinetti di Radici Terra e Gusto (Padova) per il Premio “Ricerca e Innovazione”; a Cinzia Boggian de La Peca (Lonigo, VI) è andato il Premio “Donna di Spirito”; Luca Campigotto di Panevin (Feltre, BL) è stato premiato per “La cucina che onora il territorio”, mentre Enrico Maglio de La Tana Gourmet (Asiago, VI) come “Sommelier delle Venezie”. Franz Ladeger di Anna Stuben (Ortisei, BZ) ha ricevuto il premio come miglior “Cantina delle Venezie”, mentre Marco Perez di Amistà 33 (Corrubbio di San Pietro in Cariano, VR) ha ricevuto il premio “Gusto Dolce delle Venezie”; a Nicola Mascarello di Harry’s Piccolo Restarant & Bistrò di Trieste è andato il premio “Maitre delle Venezie”, mentre Alberto Arrigoni e Michele Basso di Arrigoni & Basso (Zero Branco, TV) hanno ricevuto il riconoscimento come miglior “Pizzeria delle Venezie”. E, infine, Petra Antolini di Settimo Cielo (Pescantina, VR) è stata premiata per “Cura e Utilizzo delle migliori materie prime in pizzeria”.

Tra le aziende premianti erano presenti grandi nomi come Astoria Vini, Grana Padano, Giannitessari, Berto’s, Distilleria Schiavo, Lattebusche, Kettmeir, Masi, Rigoni di Asiago, Molino Rachello, Acqua Levico.

22 Ottobre 2018
Dettagli
Presentata la Guida Venezie a Tavola: ecco i premiati 2018. E venerdì apre We Food

Oltre 60 chef, provenienti dall’intero Triveneto, Alto Adige e Istria compresi, oltre ai più importanti produttori vinicoli e dell’agroalimentare di eccellenza hanno affollato questa mattina la tenuta delle cantine vinicole Astoria a Refrontolo. L’occasione è stata la presentazione della Guida Venezie a Tavola, diretta da Luigi Costa, giunta alla sua ottava edizione e ormai punto di riferimento della gastronomia di alta qualità.

Tra gli chef e i ristoratori, i nomi più prestigiosi a partire dai premiati: Antonio Dal Lago del ristorante Casin del Gamba di Altissimo (VI) premiato come ristorante dell’anno; Stefano e Mattia Manias del ristorante Al Cjasal di San Michele al Tagliamento (VE), premiato come ristorante emergente delle Venezie; Alessandro Dal Degan de La Tana Gourmet di Asiago, premiato per la ricerca e l’innovazione; Sara Squarzoni de La Casa degli Spiriti di Costermano (VR) premiata per la migliore carta dei liquori; Renato Rizzardi de La Locanda di Piero di Montecchio Precalcino (VI) premiato per l’attenzione al territorio; Michele Grossi della Malga Panna di Moena (TN) come miglior sommelier dell’anno delle Venezie; Michela ed Emanuele Scarello  di Agli Amici di Udine premiati per la miglior cantina; Andrea Rossetti del Fuel Ristorante in Prato della Valle a Padova premiato per i migliori dolci; Jgor Tessari di Stube Gourmet di Asiago (VI), con il Premio miglior Maître; e, infine, Denis Lovatel della Pizzeria Da Ezio di Alano di Piave (BL) premiata come migliore pizzeria delle Venezie dalla Guida che, da quest’anno, oltre a una sezione di birrifici artigianali curata da Chiara Andreola, ospita anche una sezione “Pizzerie” curata da Marco Colognese.

Tra le aziende premianti erano presenti grandi nomi come Astoria Vini, Lattebusche, Gianni Tessari, Kettmeir, Bolla ma anche Grana Padano, Berto’s Grandi Cucine, Rigoni di Asiago, Distilleria Fratelli Brunello e Molino Rachello. 

La presentazione della Guida – oltre ad essere stata l’occasione per presentare la ricerca realizzata da Andrea Beretta Zanoni, strategy Adacta Advisory e docente di Strategia aziendale all’Università di Verona, sulle tendenze dei consumi alimentari dei prossimi anni e le implicazioni sull’industria – è stata soprattutto l’occasione per presentare il grande evento che si terrà il prossimo week end, quando ben 20 “Fabbriche del Gusto” apriranno le loro porte ai visitatori per far scoprire e assaggiare (gratuitamente) le eccellenze di questi territori.

Promossa dalla Guida Venezie a Tavola, diretta da Luigi Costa, e curata da Goodnet Territori in Rete, la manifestazione è realizzata grazie alle partnership con Berto’s Grandi Cucine, Astoria Vini, Rigoni di Asiago, Formaggio Piave Molino Rachello.

Si tratterà di un intero weekend dedicato alla scoperta delle eccellenze enogastronomiche e manifatturiere delle Venezie: questo sarà We-Food che, il 28 e il 29 ottobre prossimi, si presenterà con una formula innovativa e coinvolgente per il pubblico. Non una tradizionale fiera, ma una manifestazione che permetterà contemporaneamente di visitare le “fabbriche artigianali e industriali del gusto”, seguire gli showcooking, assaggiare i prodotti e visitare i territori di produzione.

Sabato 28 ottobre e domenica 29 sarà possibile entrare nella grande hall di Berto’s Grandi Cucine e assistere agli showcooking o nel Molino Rachello per scoprire i segreti delle pizze gourmet, visitare birrifici artigianali come quello di LZO Lorenzon a Conegliano o B2O a Caorle, conoscere gli stabilimenti di produzione Lattebusche dove si produce il formaggio Piave (a Busche) e il Grana Padano (a San Pietro in Gu),osservare la produzione di cioccolato artigianale daAdelia di Fant a San Daniele del Friuli o da Exquisitaa Rovereto, oppure quella di dolci da Loison a Costabissara o da Fraccaro Spumadoro a Castelfranco Veneto; e ancora, partecipare ai laboratori per preparare la “Gubana della Nonna” a San Pietro al Natisone, il pane a lievitazione naturale da Forno Arcano a Rive d’Arcano o la “leggendaria” torta della Pasticceria Charlotte di San Giovanni al Natisone.

We-Food offrirà anche l’occasione unica per immergersi a 360° nei sapori della tradizione – da non perdere le degustazioni guidate dell’Antica Riseria Ferron a Isola della Scala, i percorsi dell’Antica Drogheria Caberlotto di Padova e Mestre o del Prosciuttificio Bagatto di San Daniele del Friuli e l’itinerario immersivo nel nuovo museo di Masi Tenuta Canova –, ma anche per scoprire le nuove frontiere tecnologiche in cucina con i forni Tecnoeka di Borgoricco.

La manifestazione, destinata a diventare il principale evento di turismo industriale del food, si aprirà presso la Tenuta Val del Brun di Astoria Vini venerdì 27 ottobre, con un grande convegno dove, a Luigi Costa, direttore della Guida Venezie a Tavola che promuove la manifestazione, si affiancheranno esperti nazionali di grandissimo livello come Paolo Marchi, ideatore di Identità Golose.

We-Food offrirà anche l’opportunità di partecipare ai live showcooking dei grandi chef delle Venezie: tra questi, Norbert Niederkofler del Ristorante St. Hubertus di Badia-San Cassiano, Alessandro Dal Degan de La Tana Gourmet di Asiago e Fabricio Veznaver della Pergola di Umago Salvore interverranno all’evento di apertura da Astoria Vini, mentre Andrea Rossetti di Fuel-Ristorante in Prato (Padova) e Davide Filipetto di Storie d’Amore (S. Michele delle Badesse di Borgoricco) saranno protagonisti da Tecnoeka; e ancora, Denis Lovatel della Pizzeria Da Ezio (Alano di Piave) e Max Mariola, talent del Gambero Rosso, proporranno laboratori di panificazione e pizzeria da Molino Rachello.

We-Food si concluderà, poi, la sera di domenica 29 ottobre a Torrebelvicino con una serata per scoprire Fonte Margherita, l’unica impresa in Veneto a imbottigliare esclusivamente sotto vetro in un’ottica green e sostenibile.

Dalla pagina Facebook ufficiale di “Venezie a Tavola” i principali eventi saranno trasmessi in diretta, mentre dall’account Twitter, si potrà seguire la diretta da tutte le aziende coinvolte.

23 Ottobre 2017
Dettagli
Premio “Venezie a Tavola” 2016: lunedì 12 ottobre a Vicenza la cerimonia di consegna

7 ottobre 2015. Raccontare la cultura, le tradizioni e i prodotti di quelle terre un tempo governate dalla Serenissima: questa la mission di “Venezie a Tavola” la guida di Luigi Costa edita da Venezie Post che racconta il territorio del Nordest attraverso la lente di ingrandimento della cultura del cibo.

Lunedì 12 ottobre alle ore 11, presso l’Università del Gusto, Centro Formazione Esac-Confcommercio a Creazzo (Vicenza), la guida di Luigi Costa edita da Venezie Post verrà presentata al pubblico, agli esperti e ai giornalisti di settore, in occasione della cerimonia di consegna del Premio “Venezie a Tavola 2016”. Read more

7 Ottobre 2015
Dettagli
“A tavola con le Venezie” presenta il Salotto del Gusto

18 agosto 2015. A Tavola con le Venezie – guida di VeneziePost, diretta da Luigi Costa ed edita da Post Editori – con la collaborazione del quotidiano Il Piccolo, sarà l’organizzatore del Salotto del Gusto, iniziativa speciale dell’edizione 2015 di Gusti di Frontiera, l’ormai tradizionale e affollatissima manifestazione promossa dal Comune di Gorizia in programma nel capoluogo isontino al 24 al 27 settembre prossimi.  Read more

25 Agosto 2015
Dettagli