Home » News

News

We-Food, in 15.000 all’assalto delle Fabbriche del Gusto

Un weekend da tutto esaurito, con laboratori artigiani e aziende prese d’assalto per scoprire i segreti delle produzioni enogastronomiche di eccellenza di Veneto, Trentino e Friuli Venezia Giulia. Al termine del fine settimana dedicato al buono e al ben fatto, sono state 15.000 le presenze (il 25% in più dello scorso anno) registrate all’ingresso delle 30 Fabbriche del Gusto dove si sono svolti showcooking, convegni, laboratori e visite guidate.

Dal cioccolato alla farina, dal vino alla birra, dai formaggi ai liquori senza dimenticare il mondo delle cucine professionali, la manifestazione, promossa dalla guida Venezie a Tavola e da ItalyPost, curata da Goodnet Territori in Rete e realizzata grazie alle partnership con Berto’s, Lattebusche e Rigoni di Asiago, per la sua terza edizione si è mossa alla scoperta delle tipicità di tre regioni ricchissime di prodotti e materie prime di qualità, ma anche di un’industria agroalimentare tra le più produttive d’Europa.

Per la prima volta, la manifestazione ha coinvolto anche le aziende del Trentino, ampliando il territorio da scoprire e aumentando il numero delle Fabbriche del Gusto che hanno aperto le loro porte. Ma questa edizione di We-Food è speciale anche perché coincide con un importante traguardo raggiunto dalla guida Venezie a Tavola, che quest’anno ha compiuto 10 anni e che ha festeggiato il suo primo anniversario a due cifre lunedì 28 ottobre in compagnia di 10 chef stellati e dei più importanti imprenditori del settore food&wine delle Venezie, tra cui Giorgio Polegato, presidente Astoria Vini, Riccardo Agugiaro, amministratore delegato Agugiaro e Figna Molini, Giannola Nonino, presidente di Nonino Distillatori, Andrea Rigoni, presidente e amministratore delegato Rigoni di Asiago, e Marco Schiavo, amministratore Distilleria Schiavo.

Dopo l’evento celebrativo di inizio settimana, la manifestazione è proseguita tra sabato 2 e domenica 3 novembre, tra visite guidate, degustazioni e laboratori che hanno attirato centinaia di famiglie e cittadini, curiosi e appassionati, alla scoperta delle 30 Fabbriche del Gusto che quest’anno hanno deciso di aprire le proprie porte e di raccontarsi con il loro bagaglio di storia e di tradizione. In alcuni casi, la richiesta di visitare le eccellenze del territorio è stata così forte che è stato necessario aggiungere dei turni di visita.

Grande interesse anche per gli showcooking, che hanno visto alternarsi i migliori chef della guida Venezie a Tavola 2020. Sono andati infatti ben presto esauriti i biglietti per i quattro showcooking ospitati nella sede di Curtarolo di Agugiaro & Figna, tra sabato 2 e domenica 3 novembre: Silvia Moro, chef del Ristorante “Aldo Moro – La Cuisine” di Montagnana, ha cucinato la pasta ripiena, Davide Tangari, chef del Ristorante “Valbruna” di Limena, si è cimentato con il fritto, Federico Zordan, della Pizzeria “San Martin” di Cornedo, ha mostrato le sue qualità di pizzaiolo, mentre Andrea Valentinetti, chef del Ristorante “Radici Terra e Gusto” di Padova, ha preparato dei favolosi dessert. Grande partecipazione di pubblico anche allo showcooking di Andrea Bozzato, chef del Ristorante “La Posa degli Agri” di Polverara, ospitato alla Tecnoeka di Borgoricco, come pure a quello di Antonio Chemello, chef della Trattoria “Palmerino” di Sandrigo, ospitato sabato pomeriggio da ioMazzuccato. La domenica, poi, Distilleria Schiavo si è riempita per lo showcooking di Enzo Gianello, chef del Ristorante “L’Altro Penacio” di Altavilla Vicentina.

Stessa situazione di overbooking alla Gastronomia Il Ceppo di Vicenza, che sabato 2 novembre ha offerto due presentazioni con degustazioni incentrate sul baccalà, ma anche nel locale padovano Ytheca di Fiorital, con showcooking a base di pesce, e nel locale “La Doga” a Fiera di Primiero, dove Luca Simoni, chef del ristorante, ha insegnato come cucinare con la birra del Birrificio Bionoc’.

Grande soddisfazione è stata espressa dai promotori, che sottolineano come We-Food non solo si sia consolidata rispetto agli scorsi anni, ma si confermi un format di promozione delle eccellenze enogastronomiche valido non solo per il territorio delle Venezie, ma utilizzabile anche per altri territori italiani. Un ringraziamento particolare è stato infine espresso dagli organizzatori ai partner Berto’s, Lattebusche e Rigoni di Asiago, nonché alle 30 aziende partecipanti.

We-Food sulla rete

Punto di riferimento è il sito internet www.wefood-festival.it, dove è possibile consultare le schede di tutte le aziende aderenti. È attiva anche la comunità di Facebook (https://www.facebook.com/venezieatavola/) di Twitter, disponibile al profilo @VenezieaTavola (hashtag ufficiale per seguire la manifestazione è #wefood), e di Instagram (https://www.instagram.com/venezieatavola/).

3 Novembre 2019
Dettagli
Venezie a Tavola, la festa per i 10 anni con 10 star e importanti imprenditori del food

Venezie a Tavola, la storica guida diretta da Luigi Costa, ha percorso fino a oggi un lungo cammino per raccontare la cultura enogastronomica delle Venezie. Un territorio ricco di eccellenze e grandi chef, che Luigi Costa e la sua squadra hanno negli anni scoperto e valorizzato, premiandoli grazie al contributo di aziende attente ai sapori di queste terre.

Quest’anno, la guida è arrivata a tagliare un importante traguardo: i suoi primi 10 anni di vita. Per festeggiare il suo primo anniversario a due cifre, oggi a Vicenza ha organizzato un grande evento celebrativo che ha visto la presenza di 10 chef stellati i più importanti imprenditori del settore agroalimentare e che è stato anche l’occasione per presentare la nuova edizione della guida e attribuire i Premi Venezie a Tavola 2020 ai migliori chef delle Venezie di quest’anno.

Ad aprire l’evento celebrativo, moderato da Alessandra Viero, giornalista e conduttrice televisiva, sono stati Luigi Costa e Filiberto Zovico, direttore e editore di Venezie a Tavola, che hanno presentato in anteprima l’edizione 2020 della guida.

Sono seguiti gli interventi dei rappresentanti delle aziende sponsor dell’evento, Marco Lebiu, direttore commerciale Berto’s, Matteo Bortoli, responsabile marketing strategico e comunicazione Lattebusche, e Andrea Rigoni, presidente e amministratore delegato Rigoni di Asiago, che hanno presentato le loro realtà, vere eccellenze del territorio delle Venezie.

Dopo i saluti di Marco Colognese e Antonio Di Lorenzo, collaboratori di Venezie a Tavola, è seguita un’intervista a Giannola Nonino, presidente di Nonino Distillatori, che ha parlato dei sapori e delle tradizioni che rendono grande il territorio esplorato dalla guida di Luigi Costa.

E’ seguito uno dei momenti più attesi dell’evento celebrativo: l’intervento di 10 chef stellati e “amici di vecchia data” della guida Venezie a Tavola: Nicola Portinari, chef del Ristorante “La Peca” di Lonigo (Vicenza), che dalla macelleria di famiglia è arrivato a conquistare due stelle Michelin; Paola Secchi, che dirige con sicurezza il ristorante stellato “Perbellini” di Isola Rizza (Verona), seguendo anche il servizio in sala; Lorenzo Cogo, chef del Ristorante “El Coq” di Vicenza, classe 1985, che ha conquistato la stella Michelin a soli 25 anni; Alessandro Dal Degan, chef del Ristorante “La Tana Gourmet” di Asiago (Vicenza), cuoco-erborista classe 1981 che conosce ogni germoglio, erba o radice che cresce sul suo amato Altopiano; Corrado Fasolato, chef del “Spinechile Resort” di Schio (Vicenza), che ha conquistato la stella Michelin a soltanto 9 mesi dall’apertura del ristorante; Alessandro Gilmozzi, chef del ristorante stellato “El Molin” di Cavalese (Trento), che da trent’anni fa ricerca in cucina collaborando con produttori del territorio trentino; Alessio Longhini, chef del Ristorante “Stube Gourmet” di Asiago (Vicenza), che prima della stella Michelin ha lavorato con Corrado Fasolato e Norbert Nierderkofler; Michela Scarello, sommelier, responsabile di sala e proprietaria assieme al fratello Emanuele del ristorante due stelle Michelin “Agli Amici” di Udine. E ad augurare “buon compleanno” alla guida Venezie a Tavola è stato anche, in collegamento video, Norbert Niederkofler, chef tre stelle Michelin del Ristorante “St. Hubertus” di San Cassiano (Bolzano), che ha fatto della sostenibilità la sua filosofia nella vita e in cucina.

Al termine dell’appuntamento,  sono stati assegnati i Premi Venezie a Tavola 2020 ai migliori chef delle Venezie selezionati dalla guida di quest’anno. Davide Botta del Ristorante “L’Artigliere” di Isola della Scala (Verona) è stato premiato da Elisabetta Serraiotto, responsabile marketing e comunicazione Consorzio Tutela Grana Padano, con il Premio “Ristorante dell’Anno”; Mattia Baroni del Ristorante “Bad Schörgau-La Fuga” di Sarentino (Bolzano) ha ricevuto il Premio “Ristorante emergente” da Valeria Tessari, responsabile commerciale Giannitessari Wine; il Ristorante “AlpiNN” di Brunico (Bolzano) ha ricevuto il Premio “Ricerca e Innovazione” da Marco Lebiu, direttore commerciale Berto’s, mentre Benedetta Fullin del Ristorante “Local” di Venezia, è stata premiata da Marco Schiavo, amministratore Distilleria Schiavo, come “Donna di Spirito”; Davide Parise del Ristorante “Alla Veneziana” di Schiavon (Vicenza) è stato premiato da Matteo Bortoli, responsabile marketing strategico e comunicazione Lattebusche, con il Premio “La cucina che onora il territorio”, mentre Matteo Bressan del Ristorante “La Peca” di Lonigo (Vicenza) è stato premiato da Alberto Ugolini, brand ambassador Santa Margherita Gruppo Vinicolo, come “Sommelier delle Venezie”. Renzo Dal Farra del Ristorante “Locanda San Lorenzo” di Puos d’Alpago (Belluno) ha ricevuto il premio come miglior “Cantina delle Venezie” dalle mani di Stefano Milani, responsabile vendite Italia Masi Agricola, mentre ad Omar Zorzetto del Ristorante “Da Omar” di Jesolo (Venezia) è andato il premio per “La miglior carta delle bollicine”, consegnato da Nicola Lorandini, responsabile vendite Italia Canevel, al sommelier del ristorante, Gabriele Cosco; a Nathalie Trafoier del Ristorante Kuppelrain di Castelbello (Bolzano) è andato il premio “Gusto dolce delle Venezie”, che le è stato consegnato da Andrea Rigoni, presidente e amministratore delegato Rigoni di Asiago, mentre Marco Rossi del Ristorante “Vecchia Malcesine” di Malcesine (Verona) è stato premiato da Giorgio Polegato, presidente Astoria Vini, come miglior “Maître delle Venezie”. E, infine, Rosario Giannattasio della Pizzeria “Acqua&Farina” di Vicenza, è stato premiato da Riccardo Agugiaro, amministratore delegato Agugiaro e Figna Molini, con il riconoscimento “La Pizzeria delle Venezie”.

28 Ottobre 2019
Dettagli
Dall’1 al 3 novembre torna We-Food, un weekend alla scoperta di 30 Fabbriche del Gusto delle Venezie

Entrare nel cuore della produzione del gusto, toccare con mano le materie prime, scoprire quali passaggi sono necessari per lavorare i prodotti che finiscono sulle nostre tavole, dal cioccolato alla farina, dal vino alla birra, senza dimenticare il mondo delle cucine professionali. Tutto questo è We-Food, un lungo weekend dedicato alla scoperta delle eccellenze enogastronomiche delle Venezie che, da venerdì 1 a domenica 3 novembre permetterà a un largo pubblico di visitare 30 Fabbriche del Gusto tra Veneto, Trentino e Friuli Venezia Giulia.

La manifestazione – promossa dalla guida Venezie a Tavola diretta da Luigi Costa e da ItalyPost, curata da Goodnet Territori in Rete, realizzata grazie alla partnership con Berto’s, Lattebusche e Rigoni di Asiago e giunta ormai alla sua terza edizione – sarà un’occasione unica di turismo industriale ed enogastronomico “diffuso”, che permetterà di esplorare i centri di produzione di terre ricchissime di prodotti e materie prime d’eccellenza. We-Food, infatti, è stato pensato come un weekend di scoperta, che parte dalla visita delle 30 aziende coinvolte e che si espande al territorio: sarà così possibile scoprire interessanti realtà imprenditoriali del food&wine e poi fermarsi a visitare città, borghi e tesori d’arte del Nordest, in un raggio d’azione che non supera i 250 chilometri.

Le 30 Fabbriche del Gusto saranno aperte a tutti, dai curiosi agli esperti, dagli appassionati a chi vuole imparare a riconoscere la qualità nei processi produttivi di questo settore. Così, sarà possibile provare a “sporcarsi le mani” preparando un cioccolatino o controllando la lavorazione della gubana, ma anche degustare vini e formaggi, visitare distillerie e frantoi e assistere a showcooking con i migliori chef della guida Venezie a Tavola.

Tra l’1 e il 3 novembre, l’agroalimentare del Veneto, del Trentino e del Friuli Venezia Giulia proporrà itinerari diversi e tutti da gustare, capaci di offrire al visitatore, in piena autonomia, l’opportunità di un weekend di relax tra sapori inediti e segreti dell’industria del food&wine.

Veneto terra di sapori, tra cantine, formaggi, olio e farine

Partendo dal Veneto, i visitatori avranno a disposizione tantissime tappe per scoprire i prodotti di eccellenza del territorio. In particolare, gli amanti del vino avranno l’occasione di entrare in cantine e aziende vitivinicole che fanno della valorizzazione dei vitigni autoctoni la loro missione. È il caso di Maeli, cantina nel cuore del Parco Regionale dei Colli Euganei con sede a Baone (Padova), che proporrà visite guidate alla cantina e degustazioni di etichette e vini della casa. Spostandosi nel vicentino, ci si potrà fermare a Breganze per scoprire ioMazzuccato, azienda vitivinicola situata ai piedi dell’altopiano di Asiago che dispone di 25 ettari di vigneti in collina, tra Cabernet e Merlot, l’autoctono Vespaiolo, Pinot Bianco, Pinot Grigio, Chardonnay e Carmenere. Nel pomeriggio di sabato 2 novembre, la cantina ospiterà uno showcooking con degustazione a cura di Antonio Chemello, della Trattoria “Palmerino” di Sandrigo (Vicenza). Sempre nel vicentino, a Costabissara, aprirà le sue porte anche la Cantina Ongaresca, che per We-Food propone, in caso di bel tempo, una passeggiata tra i vigneti e una degustazione di tre vini, e in caso di mal tempo, una spiegazione sulla spumantizzazione a cui seguirà la degustazione. Anche in provincia di Verona apriranno le loro porte delle pregevoli realtà: è il caso della Cantina Pasqua (Verona), che propone un turno di visita completo di degustazione, e della Cantina Alessandro Benini di Lavagno, che permetterà ai visitatori di esplorare la cantina, la barricaia e la zona di vinificazione, per chiudere la visita con una degustazione. Chi vuole invece “salire un po’ di grado”, potrà visitare l’Antico Laboratorio San Giuseppe, un piccolo liquorificio artigianale situato presso Villa Angaran San Giuseppe dei Padri Gesuiti a Bassano del Grappa (Vicenza), dove potrà scoprire i segreti degli amari, dei liquori e degli infusi d’erbe prodotti “come una volta”. Sempre in provincia di Vicenza, a Costabissara, aprirà le sue porte l’antica Distilleria Schiavo, fondata nel 1887 e condotta di padre in figlio per cinque generazioni. Qui il visitatore potrà scoprire la distilleria e il museo aziendale e degustare una grappa di nicchia di altissima qualità. La domenica mattina, la distilleria propone un appuntamento speciale: visita guidata, aperitivo e showcooking con degustazione a cura di Enzo Gianello del Ristorante “L’Altro Penacio” di Altavilla Vicentina.

Ma le Fabbriche del Gusto che apriranno le loro porte in Veneto non proporranno solo vini e distillati. Lo scopriranno gli amanti del formaggio, che potranno visitare ben due sedi della realtà di eccellenza Lattebusche: quella di Busche, in provincia di Belluno, che proporrà una degustazione dei diversi prodotti, e quella di Molinetto, a San Pietro in Gu (Padova), specializzata nella produzione di Grana Padano DOP. Rimanendo in provincia di Padova, poi, si potranno scoprire le farine di Agugiaro & Figna Molini, che nella sede di Curtarolo ospiterà, tra sabato 2 e domenica 3 novembre, quattro showcooking con alcuni dei migliori chef selezionati dalla guida Venezie a Tavola di quest’anno: Silvia Moro, chef del Ristorante “Aldo Moro – La Cuisine” di Montagnana (Padova), Davide Tangari, chef del Ristorante “Valbruna” di Limena (Padova), Federico Zordan, pizzaiolo della “Pizzeria San Martin” di Cornedo Vicentino (Vicenza) e Andrea Valentinetti, chef del Ristorante “Radici Terra e Gusto” di Padova. Per rimanere nel mondo delle farine, si potrà poi scoprire la realtà del giovane pastificio di qualità VisVita di San Martino di Lupari (Padova), che racconterà l’arte di fare la pasta e permetterà ai visitatori di “sporcarsi le mani” in due turni di laboratori per imparare a fare le tagliatelle.

Anche gli amanti dei dolci potranno soddisfare il loro palato, andando a Castelfranco Veneto (Treviso) a scoprire i segreti (e i prodotti) dell’antico forno Fraccaro Spumadoro, una delle realtà dolciarie più affermate del territorio. Spostandosi a Costabissara (Vicenza), si potranno poi assaggiare le specialità Loison, tra cui l’ottimo panettone dalle più prelibate varianti, e scoprire l’originale Museo Loison, che contiene antichi macchinari da pasticceria, una collezione di libri antichi, poster, cartoline, bottiglie di aromi ed essenze dei primi del Novecento. Cambiando sapori, ma rimanendo in provincia di Vicenza, i visitatori potranno esplorare l’azienda Funghi Valbrenta, moderna e dinamica realtà imprenditoriale nel settore della funghicoltura di Cismon del Grappa, con visite guidate complete di piccola degustazione. Spostandosi poi in provincia di Verona, sarà possibile entrare nella tenuta di Illasi dove viene prodotto l’Olio La Contarina, visitare lo splendido oliveto e il frantoio recuperato nell’antico casale del Settecento, per poi assaporare le diverse qualità del prodotto. Anche il mondo della ristorazione aprirà le sue porte in occasione di We-Food: Fiorital, una delle aziende leader del mercato ittico nazionale ed europeo, ospiterà presso il proprio locale di Padova uno showcooking a cura degli chef del ristorante, mentre nel cuore del centro storico di Vicenza la Gastronomia Il Ceppo presenterà la propria realtà e offrirà una degustazione dedicata al baccalà. E per gli appassionati del mondo delle cucine professionali, sarà possibile visitare due delle aziende leader nella produzione di forni professionali, entrambe con sede a Padova: Berto’s, con sede a Tribano, e Tecnoeka, con sede a Borgoricco, che il 2 novembre ospiterà anche uno showcooking a cura di Andrea Bozzato, chef del Ristorante “La Posa degli Agri” di Polverara (Padova).

In Trentino alla scoperta del distretto biologico della Val di Gresta

Spostandosi in Trentino, gli amanti del bio avranno l’opportunità di scoprire alcune realtà di eccellenza del biodistretto della Val di Gresta, un’area vocata al biologico dove produttori e pubbliche amministrazioni hanno stretto un accordo per la gestione sostenibile delle risorse. Tra queste realtà c’è l’Azienda Agricola Ivo Gelmini di Valle San Felice-Mori (Trento), che opera su una superficie di circa 8 ettari con la coltivazione prevalente di ortaggi e che per We-Food propone delle visite al proprio laboratorio aziendale corredate da un racconto dedicato alla trasformazione dei prodotti biologici agroalimentari. Sempre a Valle San Felice-Mori, in località Rinzom, i visitatori potranno scoprire i segreti del laboratorio di prodotti officinali Naturgresta, che utilizza piante appena raccolte e le lavora per produrre integratori alimentari, tinture madri e liquori, ma anche cosmetici, prodotti apistici e oli essenziali. Questa attenzione alla sostenibilità e alle materie prime di qualità si ritrova anche nelle altre Fabbriche del Gusto che apriranno le loro porte in Trentino. È il caso del Birrificio Bionoc’ di Mezzano (Trento), nato nel 2012 per diffondere la cultura della birra artigianale attraverso lo sviluppo di prodotti di alta qualità. Il pubblico potrà visitare il birrificio, partecipare a un laboratorio in bottaia, assistere a uno showcooking per imparare a cucinare con la birra e prendere parte alla conferenza “Seminiamo il futuro” su cereali autoctoni, agricoltura itinerante e varietà resistenti. Spostandosi nel bellissimo centro di Rovereto (Trento), si potrà poi scoprire come nasce un cioccolatino durante i laboratori organizzati dalla Pasticceria Zaffiro, che lavora con materie prime genuine selezionate dal territorio. In collaborazione con Naturgresta e con la Pasticceria Zaffiro, inoltre, parteciperà a We-Food anche il ristorante Bosco dei Pini Neri di Trabileno (Trento), che approfondirà nozioni e conoscenze dei prodotti del territorio.

Tappa in Friuli Venezia Giulia, tra grappa artigianale e dolci tradizioni

Spostandosi poi in Friuli Venezia Giulia, sarà possibile addentrarsi nei segreti della tradizione dolciaria delle Valli del Natisone, andando a visitare i laboratori artigianali della Gubana della Nonna e della Gubana Dorbolò, entrambe a San Pietro Al Natisone (Udine). La prima proporrà delle sessioni esclusive di laboratorio dedicate alla storica ricetta della gubana, dolce friulano per eccellenza, e alla biscotteria artigianale natalizia, la seconda organizzerà visite guidate all’interno del laboratorio complete di degustazione. Per rimanere nel mondo dei dolci, a San Daniele del Friuli (Udine), sarà possibile scoprire i segreti della cioccolateria artigianale Adelia Di Fant, vedere dal vivo la lavorazione del cioccolato e la sua trasformazione in tavolette, praline e crema spalmabile e partecipare a una degustazione guidata che parte dal cioccolato grezzo e arriva al prodotto finito. Spostandosi a Nimis (Udine), si potrà conoscere da vicino l’antica Distilleria Ceschia, che, pur essendo entrata a far parte del grande Gruppo Molinari, continua a preparare la grappa utilizzando il metodo di distillazione artigianale. A Palmanova (Udine), invece, aprirà le sue porte Jolanda de Colò, azienda specializzata nella lavorazione di carne e pesce che dal 1976 offre un’ampia gamma di produzioni alimentari e specialità enogastronomiche di assoluta qualità, come il foie gras o il pesce affumicato. Per gli appassionati del mondo delle farine, a Trivignano Udinese (Udine) sarà possibile entrare nell’antico Molino Moras. Per ciascun turno, è prevista la visita alla Farinoteca, un luogo dal sapore di una volta, dove sarà possibile acquistare farine, biscotti, grissini e focacce. Spingendosi fino al cuore del Carso Triestino, a Duino Aurisina, a ridosso del Golfo di Trieste, sarà poi possibile visitare la splendida cantina Zidarich, percorrere i cinque piani della struttura scavata interamente nella roccia per osservare e conoscere l’intero processo produttivo vitivinicolo. A conclusione della visita sarà infine possibile degustare il vino di produzione.

Gli showcooking

Anche per questa edizione di We-Food sono stati invitati alcuni dei più importanti chef della guida Venezie a Tavola, presentata in anteprima il 28 ottobre a Vicenza per festeggiare il traguardo della decima edizione. Nel weekend dedicato al gusto delle Venezie, saranno sette gli chef selezionati dalla guida di quest’anno ad alternarsi in showcooking d’eccellenza, durante i quali esalteranno con il loro tocco sapiente i prodotti eccellenti delle Fabbriche del Gusto. La sede di Curtarolo di Agugiaro & Figna ospiterà ben quattro showcooking, con Silvia Moro, chef Ristorante “Aldo Moro – La Cuisine” di Montagnana (sabato 2, ore 11), Davide Tangari, chef Ristorante “Valbruna” di Limena (sabato 2, ore 17), Federico Zordan, pizzaiolo Pizzeria “San Martin” di Cornedo Vicentino (domenica 3, ore 11), e Andrea Valentinetti, chef Ristorante “Radici Terra e Gusto” di Padova (domenica 3, ore 17). Tecnoeka di Borgoricco (Padova) ospiterà invece lo showcooking di Andrea Bozzato, chef del Ristorante “La Posa degli Agri” di Polverara (sabato 2, ore 11.30), mentre da ioMazzuccato, a Breganze, sarà protagonista Antonio Chemello, chef Trattoria “Palmerino” di Sandrigo (sabato 2, ore 16.30). Da non perdere da Distilleria Schiavo, a Costabissara, lo showcooking di Enzo Gianello, chef Ristorante “L’ Altro Penacio” di Altavilla Vicentina (domenica 3, ore 10.30). Altri showcooking si terranno nel locale Ytheca di Fiorital, con sede a Padova (sabato 2, ore 11), per scoprire ricette a base di pesce, ma anche presso il locale “La Doga” a Fiera di Primiero (Trento) per imparare da Luca Simoni, chef del ristorante, come cucinare con la birra (domenica 3, ore 10.45). Infine, da non perdere la presentazione con degustazione incentrata sul baccalà alla Gastronomia Il Ceppo a Vicenza (sabato 2, ore 17 e 18.30).

Come partecipare

Tutti possono partecipare a We-Food e tutti gli eventi di We-Food sono a ingresso libero: è solamente richiesta, per ragioni organizzative, la prenotazione alle visite e agli eventi di proprio interesse sul sito internet www.wefood-festival.it, in corrispondenza di ciascuna azienda visitabile.

We-Food sulla rete

Punto di riferimento per aggiornamento in progress su We-Food è il sito internet www.wefood-festival.it, dove è possibile consultare le schede di tutte le aziende aderenti e gli eventi che vi si svolgeranno. È attiva anche la comunità di Facebook (https://www.facebook.com/venezieatavola/) di Twitter, disponibile al profilo @VenezieaTavola (hashtag ufficiale per seguire la manifestazione è #wefood), e di Instagram (https://www.instagram.com/venezieatavola/).

28 Ottobre 2019
Dettagli
We-Food, in 12.000 all’assalto delle Fabbriche del Gusto

Tutto esaurito nelle tre giornate dedicate alla innovativa manifestazione di turismo enogastronomico. Registrate presenze per il 20% in più rispetto alla scorsa edizione. I promotori: “Un format destinato a crescere nelle Venezie e a svilupparsi in altre regioni italiane”. Read more

4 Novembre 2018
Dettagli
“Venezie a Tavola”: ecco i migliori chef delle Venezie

Sono stati assegnati questa mattina, in una sala affollatissima della Tenuta Astoria a Refrontolo (TV), i Premi della Guida “Venezie a Tavola 2019”, la storica guida enogastronomica diretta da Luigi Costa giunta alla nona edizione che racconta i 173 ristoranti, 39 pizzerie, 25 vini e 22 prodotti migliori delle Venezie.

Prima di assegnare i prestigiosi riconoscimenti, i leader di alcune tra le aziende premianti si sono soffermati a raccontare la situazione dell’industria agroalimentare del Triveneto e a delineare le opportunità e i rischi della prossima fase. Il padrone di casa, Giorgio Polegato, presidente di Astoria Vini e di Coldiretti Treviso, ha sottolineato che si è trattato di una annata eccezionale in termini di produzione che ha riportato i prezzi delle uve a livelli “normali” dopo il boom dello scorso anno. “Il nostro sforzo – ha sottolineato Polegato – è quello di proseguire in un cammino iniziato da poco per posizionare il Prosecco su una fascia più alta di quella attuale, attraverso il lavoro di alcuni brand capaci di differenziarsi da produzioni più di massa”.

Gli ha fatto eco il presidente delle cantine Masi e di Federvini, Sandro Boscaini, che ha sottolineato che il problema principale delle Venezie è di avere una grande cultura del prodotto ma di essere assolutamente fragili, anche nel confronto con le altre regioni italiane, in termini di cultura d’impresa capace di di posizionare prodotti su quella fascia alta che garantisce marginalità. “Ma anche il territorio ha un problema – ha dichiarato Boscaini – se sulla doc delle Venezie si è creata una confusione incredibile tra Venezia, Venezie e Tre Venezie”.

Infine Antonio Bortoli, direttore generale di Lattebusche, ha analizzato la situazione del lattiero-caseario sostenendo che, dopo un ottimo 2017, nei primi mesi di quest’anno la situazione è precipitata ai livelli del 2016. Secondo Bortoli il problema è che si continua a pensare che sia sufficiente produrre, mentre viene trascurato il posizionamento del prodotto sopratutto all’estero. In tema di enogastronomia, invece, è stato il direttore della Guida Luigi Costa a tratteggiare un quadro ottimistico sulla cucina del nostro territorio. “È una cucina che continua a crescere di qualità e i ristoranti che premiamo con questa nona edizione della Guida testimonia proprio questo”.

Al termine dell’incontro, al quale hanno partecipato oltre 60 chef dei più prestigiosi ristoranti del Triveneto e un centinaio di produttori di eccellenza di diversi settori, sono stati assegnati i Premi Venezie a Tavola 2019: Claudio Melis del ristorante In Viaggio di Bolzano premiato come “Ristorante dell’Anno”; Alessandro Rossi di Villa Selvatico (Roncade, TV) come “Ristorante emergente”; Andrea Valentinetti di Radici Terra e Gusto (Padova) per il Premio “Ricerca e Innovazione”; a Cinzia Boggian de La Peca (Lonigo, VI) è andato il Premio “Donna di Spirito”; Luca Campigotto di Panevin (Feltre, BL) è stato premiato per “La cucina che onora il territorio”, mentre Enrico Maglio de La Tana Gourmet (Asiago, VI) come “Sommelier delle Venezie”. Franz Ladeger di Anna Stuben (Ortisei, BZ) ha ricevuto il premio come miglior “Cantina delle Venezie”, mentre Marco Perez di Amistà 33 (Corrubbio di San Pietro in Cariano, VR) ha ricevuto il premio “Gusto Dolce delle Venezie”; a Nicola Mascarello di Harry’s Piccolo Restarant & Bistrò di Trieste è andato il premio “Maitre delle Venezie”, mentre Alberto Arrigoni e Michele Basso di Arrigoni & Basso (Zero Branco, TV) hanno ricevuto il riconoscimento come miglior “Pizzeria delle Venezie”. E, infine, Petra Antolini di Settimo Cielo (Pescantina, VR) è stata premiata per “Cura e Utilizzo delle migliori materie prime in pizzeria”.

Tra le aziende premianti erano presenti grandi nomi come Astoria Vini, Grana Padano, Giannitessari, Berto’s, Distilleria Schiavo, Lattebusche, Kettmeir, Masi, Rigoni di Asiago, Molino Rachello, Acqua Levico.

22 Ottobre 2018
Dettagli
8 Settembre 2018
Dettagli
We-Food, in 10.000 nelle 20 Fabbriche del Gusto per la prima edizione. Luigi Costa: “Le Venezie territorio dalle molte eccellenze. Che vanno raccontate”

Il direttore della guida enogastronomica “Venezie a Tavola” ha aperto alle cantine Astoria Vini di Refrontolo (Treviso). La manifestazione, alla sua prima edizione, ha fatto registrare molti “sold-out”. Dai macchinari ai prodotti, dai vini alle birre, un territorio che si è saputo raccontare finalmente

Tutto esaurito alla Tenuta Astoria sulle colline del Prosecco per l’apertura di We-Food, il primo opening delle “Fabbriche del Gusto”, come hanno scelto di chiamarsi le 20 aziende che sabato e domenica hanno aperto le proprie porte ai visitatori per visite guidate, showcooking e degustazioni. Read more

29 Ottobre 2017
Dettagli
Presentata la Guida Venezie a Tavola: ecco i premiati 2018. E venerdì apre We Food

Oltre 60 chef, provenienti dall’intero Triveneto, Alto Adige e Istria compresi, oltre ai più importanti produttori vinicoli e dell’agroalimentare di eccellenza hanno affollato questa mattina la tenuta delle cantine vinicole Astoria a Refrontolo. L’occasione è stata la presentazione della Guida Venezie a Tavola, diretta da Luigi Costa, giunta alla sua ottava edizione e ormai punto di riferimento della gastronomia di alta qualità.

Tra gli chef e i ristoratori, i nomi più prestigiosi a partire dai premiati: Antonio Dal Lago del ristorante Casin del Gamba di Altissimo (VI) premiato come ristorante dell’anno; Stefano e Mattia Manias del ristorante Al Cjasal di San Michele al Tagliamento (VE), premiato come ristorante emergente delle Venezie; Alessandro Dal Degan de La Tana Gourmet di Asiago, premiato per la ricerca e l’innovazione; Sara Squarzoni de La Casa degli Spiriti di Costermano (VR) premiata per la migliore carta dei liquori; Renato Rizzardi de La Locanda di Piero di Montecchio Precalcino (VI) premiato per l’attenzione al territorio; Michele Grossi della Malga Panna di Moena (TN) come miglior sommelier dell’anno delle Venezie; Michela ed Emanuele Scarello  di Agli Amici di Udine premiati per la miglior cantina; Andrea Rossetti del Fuel Ristorante in Prato della Valle a Padova premiato per i migliori dolci; Jgor Tessari di Stube Gourmet di Asiago (VI), con il Premio miglior Maître; e, infine, Denis Lovatel della Pizzeria Da Ezio di Alano di Piave (BL) premiata come migliore pizzeria delle Venezie dalla Guida che, da quest’anno, oltre a una sezione di birrifici artigianali curata da Chiara Andreola, ospita anche una sezione “Pizzerie” curata da Marco Colognese.

Tra le aziende premianti erano presenti grandi nomi come Astoria Vini, Lattebusche, Gianni Tessari, Kettmeir, Bolla ma anche Grana Padano, Berto’s Grandi Cucine, Rigoni di Asiago, Distilleria Fratelli Brunello e Molino Rachello. 

La presentazione della Guida – oltre ad essere stata l’occasione per presentare la ricerca realizzata da Andrea Beretta Zanoni, strategy Adacta Advisory e docente di Strategia aziendale all’Università di Verona, sulle tendenze dei consumi alimentari dei prossimi anni e le implicazioni sull’industria – è stata soprattutto l’occasione per presentare il grande evento che si terrà il prossimo week end, quando ben 20 “Fabbriche del Gusto” apriranno le loro porte ai visitatori per far scoprire e assaggiare (gratuitamente) le eccellenze di questi territori.

Promossa dalla Guida Venezie a Tavola, diretta da Luigi Costa, e curata da Goodnet Territori in Rete, la manifestazione è realizzata grazie alle partnership con Berto’s Grandi Cucine, Astoria Vini, Rigoni di Asiago, Formaggio Piave Molino Rachello.

Si tratterà di un intero weekend dedicato alla scoperta delle eccellenze enogastronomiche e manifatturiere delle Venezie: questo sarà We-Food che, il 28 e il 29 ottobre prossimi, si presenterà con una formula innovativa e coinvolgente per il pubblico. Non una tradizionale fiera, ma una manifestazione che permetterà contemporaneamente di visitare le “fabbriche artigianali e industriali del gusto”, seguire gli showcooking, assaggiare i prodotti e visitare i territori di produzione.

Sabato 28 ottobre e domenica 29 sarà possibile entrare nella grande hall di Berto’s Grandi Cucine e assistere agli showcooking o nel Molino Rachello per scoprire i segreti delle pizze gourmet, visitare birrifici artigianali come quello di LZO Lorenzon a Conegliano o B2O a Caorle, conoscere gli stabilimenti di produzione Lattebusche dove si produce il formaggio Piave (a Busche) e il Grana Padano (a San Pietro in Gu),osservare la produzione di cioccolato artigianale daAdelia di Fant a San Daniele del Friuli o da Exquisitaa Rovereto, oppure quella di dolci da Loison a Costabissara o da Fraccaro Spumadoro a Castelfranco Veneto; e ancora, partecipare ai laboratori per preparare la “Gubana della Nonna” a San Pietro al Natisone, il pane a lievitazione naturale da Forno Arcano a Rive d’Arcano o la “leggendaria” torta della Pasticceria Charlotte di San Giovanni al Natisone.

We-Food offrirà anche l’occasione unica per immergersi a 360° nei sapori della tradizione – da non perdere le degustazioni guidate dell’Antica Riseria Ferron a Isola della Scala, i percorsi dell’Antica Drogheria Caberlotto di Padova e Mestre o del Prosciuttificio Bagatto di San Daniele del Friuli e l’itinerario immersivo nel nuovo museo di Masi Tenuta Canova –, ma anche per scoprire le nuove frontiere tecnologiche in cucina con i forni Tecnoeka di Borgoricco.

La manifestazione, destinata a diventare il principale evento di turismo industriale del food, si aprirà presso la Tenuta Val del Brun di Astoria Vini venerdì 27 ottobre, con un grande convegno dove, a Luigi Costa, direttore della Guida Venezie a Tavola che promuove la manifestazione, si affiancheranno esperti nazionali di grandissimo livello come Paolo Marchi, ideatore di Identità Golose.

We-Food offrirà anche l’opportunità di partecipare ai live showcooking dei grandi chef delle Venezie: tra questi, Norbert Niederkofler del Ristorante St. Hubertus di Badia-San Cassiano, Alessandro Dal Degan de La Tana Gourmet di Asiago e Fabricio Veznaver della Pergola di Umago Salvore interverranno all’evento di apertura da Astoria Vini, mentre Andrea Rossetti di Fuel-Ristorante in Prato (Padova) e Davide Filipetto di Storie d’Amore (S. Michele delle Badesse di Borgoricco) saranno protagonisti da Tecnoeka; e ancora, Denis Lovatel della Pizzeria Da Ezio (Alano di Piave) e Max Mariola, talent del Gambero Rosso, proporranno laboratori di panificazione e pizzeria da Molino Rachello.

We-Food si concluderà, poi, la sera di domenica 29 ottobre a Torrebelvicino con una serata per scoprire Fonte Margherita, l’unica impresa in Veneto a imbottigliare esclusivamente sotto vetro in un’ottica green e sostenibile.

Dalla pagina Facebook ufficiale di “Venezie a Tavola” i principali eventi saranno trasmessi in diretta, mentre dall’account Twitter, si potrà seguire la diretta da tutte le aziende coinvolte.

23 Ottobre 2017
Dettagli
We-Food: dal 27 al 29 ottobre, un lungo weekend per scoprire 20 Fabbriche del Gusto

We-Food: il primo evento nazionale di turismo industriale e artigianale del food d’eccellenza. Apertura venerdì 27 da Astoria Vini con Paolo Marchi e Norbert Niederkofler. Sabato 28 e domenica 29 visite guidate, showcooking e grandi chef. Serata speciale da Berto’s Grandi Cucine con Alessandro Dal Degan, Premio Innovazione in Cucina 2018 della guida “Venezie a Tavola”. Read more

17 Ottobre 2017
Dettagli
We-Food: il primo evento nazionale di turismo industriale e artigianale del food di eccellenza. Dal 27 al 29 ottobre, un lungo weekend per scoprire 20 Fabbriche del Gusto

Apertura venerdì 27 da Astoria Vini con Paolo Marchi e Norbert Niederkofler. Sabato 28 e domenica 29 ottobre visite guidate, showcooking e grandi chef. Serata speciale da Berto’s Grandi Cucine con Alessandro Dal Degan, Premio Innovazione in Cucina 2018 della Guida “Venezie a Tavola”.

Un intero weekend dedicato alla scoperta delle eccellenze enogastronomiche e manifatturiere delle Venezie: questo sarà We-Food che, il 28 e il 29 ottobre, si presenterà con una formula innovativa e coinvolgente per il pubblico. Non una tradizionale fiera, ma una manifestazione che permetterà contemporaneamente di visitare le “fabbriche artigianali e industriali del gusto”, seguire gli showcooking, assaggiare i prodotti e visitare i territori di produzione. Read more

17 Ottobre 2017
Dettagli
22 Gennaio 2016
Dettagli
Come portare il food italiano nel mondo? Venerdì 23 ottobre a Vicenza Tondato Da Ruos, Boscaini, Rigoni per la prima tappa del Food Economy Tour

20 ottobre 2015. Come portare il food italiano nel mondo?” E’ questo il titolo della prima tappa del Food Economy Tour, iniziativa curata dal quotidiano VeneziePost e dalla guida Venezie a Tavola con la main partnership di FriulAdria Crédit Agricole e la partnership di Cattolica – che venerdì 23 ottobre, alle ore 18, aprirà i battenti a Vicenza, presso Adacta (Strada Marosticana 6/8; clicca qui per maggiori informazioni). Read more

21 Ottobre 2015
Dettagli
Premio “Venezie a Tavola” 2016: lunedì 12 ottobre a Vicenza la cerimonia di consegna

7 ottobre 2015. Raccontare la cultura, le tradizioni e i prodotti di quelle terre un tempo governate dalla Serenissima: questa la mission di “Venezie a Tavola” la guida di Luigi Costa edita da Venezie Post che racconta il territorio del Nordest attraverso la lente di ingrandimento della cultura del cibo.

Lunedì 12 ottobre alle ore 11, presso l’Università del Gusto, Centro Formazione Esac-Confcommercio a Creazzo (Vicenza), la guida di Luigi Costa edita da Venezie Post verrà presentata al pubblico, agli esperti e ai giornalisti di settore, in occasione della cerimonia di consegna del Premio “Venezie a Tavola 2016”. Read more

7 Ottobre 2015
Dettagli
“A tavola con le Venezie” presenta il Salotto del Gusto

18 agosto 2015. A Tavola con le Venezie – guida di VeneziePost, diretta da Luigi Costa ed edita da Post Editori – con la collaborazione del quotidiano Il Piccolo, sarà l’organizzatore del Salotto del Gusto, iniziativa speciale dell’edizione 2015 di Gusti di Frontiera, l’ormai tradizionale e affollatissima manifestazione promossa dal Comune di Gorizia in programma nel capoluogo isontino al 24 al 27 settembre prossimi.  Read more

25 Agosto 2015
Dettagli