— Marcandole S.r.l.
Via Argine Piave, 7
Salgareda (TV)
Marcandole
sempre
tutte
Turno di chiusura: mercoledì sera e giovedì
Ferie: variabili
Gli anni passano, ma l’anima del locale conserva la genuinità dei fondatori pur essendo naturalmente in linea con le attese di una clientela degli anni Duemila. A novant’anni di distanza, la gestione dei fratelli Alessandro e Roberta Rorato ha trasformato l’antica trattoria in un locale gourmand…

Il locale si chiama così perché ha preso il nome di un piccolo pesce di fiume che risaliva la corrente del Piave. Negli anni Cinquanta e Sessanta, dopo pescate le marcandole finivano fritte: e quel semplice “scartosso” accompagnava le serate danzanti sotto il pergolato. La struttura è rimasta la stessa aperta nel 1931, quella che sorge vicino all’argine del fiume sacro alla Patria: gli anni passano, ma l’anima del locale conserva la genuinità dei fondatori pur essendo naturalmente in linea con le attese di una clientela degli anni Duemila. A novant’anni di distanza, infatti, la gestione dei fratelli Alessandro e Roberta Rorato ha trasformato l’antica trattoria in un locale gourmand, l’immobile ha subito i necessari ammodernamenti, è diventato un punto di riferimento gastronomico del Trevigiano. Specializzato nella cucina di pesce e di mare, presenta un ricco menu: solo il piatto del crudo, articolato in undici assaggi (38 euro, 30 la declinazione in cotto) meriterebbe la visita. I piatti sono studiati e curati, d’effetto anche per gli occhi. La cucina ha una memoria antica (la “tecia” di veraci, cozze, scampi, frutti di mare e alici), ma offre sapori contemporanei, come ben dimostrano il risotto ai frutti di mare, salsa d’astice e foglie d’ostrica, i paccheri con gamberi rossi di Sicilia e burrata, gli gnocchi di baccalà, veraci e polvere di capperi. La cantina offre 600 etichette, con spazio soprattutto al territorio, ma l’offerta di vini al calice è consistente. Il conto è attorno ai 75 euro.