— Baggio La Locanda dal 1978
Via Bassane, 1
Asolo (TV)
Locanda Baggio
sempre
Bancomat, CartaSì, EuroCard, Mastercard, VISA
Turno di chiusura: domenica sera e lunedì
Ferie: mai
La loro creatività si materializza assicurando sempre misura e gusto. Potete assaggiare la crema di fagioli della Val Belluna e tartare di gamberi rossi come un risotto cacio e pepe, calamaretti spillo e canestrelli chioggiotti, per convincervi che la mano del cuoco è sapiente e delicata…

Quando lo vedete non potete non pensare al Grande Gigante Gentile del film di Spielberg, quello che è incaricato di catturare i sogni e di portarli ai bambini addormentati del mondo. Ermenegildo “Nino” Baggio è imponente ma non incute soggezione: la sua cucina è come la mano grande e possente che stringe la tua quando ti accoglie all’ingresso: sa essere delicata pur esprimendo energia. E, assieme alla moglie Nina Lunardi, irradiano questa atmosfera che si respira nel locale, una locanda aperta dal 1978 e oggi gestita assieme ai figli Enrico, Guido e Cristina. La loro creatività si materializza assicurando sempre misura e gusto. Potete assaggiare la crema di fagioli della Val Belluna e tartare di gamberi rossi come un risotto cacio e pepe, calamaretti spillo e canestrelli chioggiotti, per convincervi che la mano del cuoco è sapiente e delicata. Assaggiate il baccalà, l’anguilla del Sile oppure il germano reale e avrete la stessa sensazione. Spiegava il grande scrittore Anatole France: “Benché la bellezza derivi dalla geometria, solo attraverso il sentimento è possibile coglierne le forme delicate”. Nino Baggio e il suo gruppo sono capaci di trasmettere queste sensazioni con i loro piatti: il sentimento diventa gusto. Provate anche i “moscardini di Chioggia al vapore, crema di patate di Rotzo, caviale di trota, gocce ai ricci di mare, salicornia, nero di seppia e prezzemolo”. Dolci della tradizione e cantina con 200 etichette. Alla carta 60 euro, stessa cifra per il menu degustazione “Sensazioni” da sei portate.