— Baita Piè Tofana
Loc. Rumerlo
Cortina D’Ampezzo (BL)
Baita Piè Tofana
pranzo e cena
AE, Carta Sì, Mastercard, VISA
Turno di chiusura: mercoledì (mai in stagione)
Ferie: da metà aprile a metà giugno; da metà settembre a fine ottobre
Dopo una raffinata ristrutturazione e un periodo di assestamento a inizio 2019, questa baita tutta in legno con terrazza panoramica ha trovato la giusta quadratura. Merito anche della consulenza di uno chef esperto come Alessandro Favrin…

Il comprensorio delle Tofane si avvia a diventare il teatro dei più importanti eventi di sci alpino dei prossimi anni: i Campionati mondiali 2021 e le Olimpiadi invernali 2026, condivise tra Milano e Cortina. Sembrava impossibile che un ristorante con una posizione strategica come Baita Piè Tofana, proprio di fronte alla nuova pista “Vertigine” appositamente allestita, non fosse sulla cresta dell’onda, anzi fosse chiuso. È toccato a Michel Oberhammer, proprietario dell’azienda di distribuzione di vino La Cave, prendersi in carico il dovuto rilancio. Dopo una raffinata ristrutturazione e un periodo di assestamento a inizio 2019, questa baita tutta in legno con terrazza panoramica ha trovato la giusta quadratura. Merito anche della consulenza di uno chef esperto come Alessandro Favrin, che ne sta curando l’impostazione gastronomica. Dopo un imperdibile assaggio di speck prodotto dalla Malga Pretzhof, sfilano una serie di piatti aderenti al territorio ma rivisitati con eleganza come il salmerino alpino marinato con gel di sedano di montagna e insalatina di finocchio croccante e arancio, gli gnocchi di patate con “cicche” di coniglio, radicchio della Marca e crema di ricotta di bufala, e il cervo ai profumi del bosco. Servizio premuroso e sorridente. Carta dei vini di livello prevedibilmente molto alto con centinaia di etichette provenienti da tutto il mondo. Conto sui 60 euro, anche nell’esclusivo, richiestissimo tavolo attorno al “larin” (caminetto).