— Trattoria Molin Vecio snc di Boschetto Sergio e C.
Via Giaroni, 116
Caldogno (VI)
Al Molin Vecio
sempre
tutte
Turno di chiusura: martedì
Ferie: variabili 
Tanto il legno di pavimenti e arredi, quanto gli splendidi oggetti da lavoro esposti qua e là sono testimonianza viva di una cultura materiale qui conservata e alimentata con cura e dedizione. La cucina al Molin Vecio non è da meno…

A poco più di dieci chilometri dalla città di Vicenza, lungo la direttrice che porta a Thiene, si trova questa bella trattoria di gusto classico. Il contesto non può essere più bucolico: un mulino di inizio ’500, circondato da risorgive, frutteti e un giardino riccamente popolato da erbe aromatiche, fiori e piante officinali. Del tutto coerente l’atmosfera calda dei locali interni: tanto il legno di pavimenti e arredi, quanto gli splendidi oggetti da lavoro esposti qua e là sono testimonianza viva di una cultura materiale qui conservata e alimentata con cura e dedizione. La cucina al Molin Vecio non è da meno. Il menu è animato da pietanze semplici e ben eseguite, impreziosite da spunti innovativi spesso ispirati dalla disponibilità stagionale del giardino. Buona e ghiotta la frittura di verdure, erbe e fiori dell’orto officinale, accompagnate da una salsa allo yogurt. Tra i primi, di intrigante complessità gli spaghettoni ciclamino al ragù di coniglio, olive e origano fresco. Non mancano ovviamente, quando è stagione, tartufi dai Berici e funghi. Tra i secondi, da non perdere quando disponibile il “Capòn in canevèra”, intrigante e delicato. Si tratta di una preparazione risalente alla fine del Settecento, che prevede la cottura del cappone in vescica di maiale, utilizzando una canna di bambù come sfiato. La carta dei vini è semplice e personale, con più di qualche rarità a prezzi imbattibili. 35 euro il menu, poco di più alla carta.