— alberoni snc
Via F. Morosini, 4
Venezia Lido (VE)
La Tavernetta
sempre
le principali
Turno di chiusura: mai
Ferie: da novembre a fine marzo
In spazi che, nei colori, richiamano l’ambiente lagunare, si presentano piatti scenografici dai gusti ben definiti come il wafer croccante al caramello ripieno di mousse di baccalà mantecato, pistacchi di Bronte, lime e zafferano in emulsione…

Luogo esclusivo il Lido di Venezia! E la Tavernetta conquista sia chi ci vive che i turisti, numerosi durante la Mostra del Cinema. Il locale, a pochi passi dal Casinò e di fronte all’Excelsior è, in quei giorni, uno dei punti di ritrovo per vip e addetti ai lavori. Un’istituzione fin dal 1996 quando Riccardo, chef toscano, lo rileva con la moglie Adriana, veneziana doc. Ora è il figlio Ottavio, sommelier esperto, a tenere saldamente le redini del ristorante. La cucina, guidata da Adriana, unisce suggestioni toscane e veneziane in una gustosa sinfonia di tradizione e piacevoli novità. In spazi che, nei colori, richiamano l’ambiente lagunare, si presentano piatti scenografici dai gusti ben definiti come il wafer croccante al caramello ripieno di mousse di baccalà mantecato, pistacchi di Bronte, lime e zafferano in emulsione. Il palato sorride incontrando la spuma di stracciatella con alici di Sciacca, pinoli tostati, pesto al basilico e menta. Si assapora volentieri anche il mini hamburger di Chianina con pan brioche al latte con sesamo, cheddar di capra e pomodoro confit. Presenti tutto l’anno i panciotti fatti a mano ripieni di gamberi e capesante. Un dolce iconico è l’ortomisù: nel vaso da fiori ci sono vari strati in cui affondare il cucchiaio. Tra cioccolato e pistacchi spuntano due piantine di timo e basilico. La cantina è tra le più attente e ampie, una selezione italiana ed estera da applauso, frutto della continua ricerca di Ottavio. Il conto? Sui 50 euro per la carta che aumentano a 60 per il percorso di degustazione.