— La Subida snc di Sirk A e C
Via Subida, 53
Cormons (GO)
La Subida
sabato e domenica sempre; lunedì, giovedì, venerdì solo la sera 
tutte, eccetto American Express
Turno di chiusura: martedì e mercoledì
Ferie: la seconda quindicina di febbraio e la prima settimana di marzo
La cucina, affidata alle mani di Alessandro Cavagna, suggella l’incontro fra la cultura friulana e quella slava, attraverso un menu che non segue le mode ma guarda al patrimonio della tradizione, concentrandosi sulla filosofia del recupero. In primavera…

Il confine è solo immaginario, perché in questo angolo di paradiso, immerso nel verde e sospeso tra l’Italia e la Slovenia, ogni barriera è stata tolta. Sono passati sessant’anni da quando Loredana e Josko Sirk hanno aperto la trattoria Al Cacciatore, nel cuore del Collio goriziano. Oggi il ristorante è l’anima di un romantico Relais de Champagne dotato di confortevoli camere e la possibilità di escursioni in vigna, a cavallo o con uno scooter. Un sinuoso viale di ciottoli, affiancato da arbusti sempreverdi e fiori profumati, conduce all’ingresso per poi svanire gradatamente nel bosco. All’interno tre sale, arredate con mobili antichi, sedie impagliate, grandi tavoli rotondi e lunghe tende in lino. Senza dimenticare le collezioni di una vita (statuine, vecchi macinacaffè…) esposti sopra il fogolar che riscalda il soggiorno, a creare un’atmosfera intrisa di ricordi dello “stare insieme”.
La cucina, affidata alle mani di Alessandro Cavagna, suggella l’incontro fra la cultura friulana e quella slava, attraverso un menu che non segue le mode ma guarda al patrimonio della tradizione, concentrandosi sulla filosofia del recupero. In primavera ecco la deliziosa dadolata di cervo e finocchi croccanti, seguita dai saporiti cappellacci a base di lumache, erbe spontanee e aglio orsino. Buonissimo il piccione all’aceto di casa Sirk.
In cantina ampio ventaglio di etichette, con particolare attenzione ai vignaioli locali, di cui Mitja – figlio dei Sirk e appassionato sommelier – saprà raccontarvi la storia. Menu degustazione da 60 a 75 euro, alla carta circa 55.