— Ristorante Agli Amici 1887
Via Liguria, 252
Udine (UD)
Agli Amici
mercoledì, giovedì, venerdì e sabato a cena; sabato e domenica a pranzo
tutte, eccetto Diners
Turno di chiusura: domenica sera, lunedì e martedì
Ferie: variabili
Ai fornelli opera Emanuele che, sottrattosi ai rigidi dettami della scuola francese che lo hanno formato, ha abbracciato la libertà creativa di una cucina curiosa, ricercata e raffinata. Il menu “Nuovo e Indimenticabile”…

Nel 1887 era un luogo di ritrovo per la gente del posto che, al calar della sera, si riuniva per l’immancabile tajut mentre il fumo dei toscani saliva verso l’alto, in lingue color seppia. A partire dagli anni Sessanta, grazie alla verve di mamma Ivonne, l’originario bar-tabaccheria si trasformò in un ristorante, che all’inizio del nuovo millennio conquistò la sua prima Stella Michelin. Nasceva così il fiore all’occhiello della scena gastronomica friulana. Sulla porta di ingresso si legge ancora la frase hic manebimus optime, un invito a entrare in una casa di amici, appunto. Un valore, quello dell’accoglienza, trasmesso ai due figli, Emanuele e Michela Scarello, che oggi gestiscono il locale. Un’unica sala con pochi tavoli di forma circolare, arredati con raffinatezza e semplicità. Ai fornelli opera Emanuele che, sottrattosi ai rigidi dettami della scuola francese che lo hanno formato, ha abbracciato la libertà creativa di una cucina curiosa, ricercata e raffinata. Il menu “Nuovo e Indimenticabile” parte deciso con del limone al sale, brodo di latte e caviale, continua con la deliziosa gallinella tostata, acqua di fragole e rabarbaro crudo e chiude con l’emozionante meringa che vuole essere una dolce dedica a mamma Ivonne. Il servizio è impeccabile e Michela, con fare gentile e aggraziato, sa raccontare con chiarezza e competenza la carta dei vini, suggerendo gli abbinamenti migliori. In cantina le referenze sono molte, provengono da ogni parte del mondo senza ricarichi eccessivi. Menu degustazione da 95 a 130 euro; alla carta circa 90.