— Palazzo Venart Luxury Hotel
Calle Tron 1961, Santa Croce
Venezia (VE)
Il Glam
sempre
tutte
Turno di chiusura: martedì
Ferie: mai
Donato Ascani sta dimostrando non solo talento e creatività, ma anche competenze tecniche di primissimo piano. Lo dimostra il benvenuto con cui la cucina accoglie i commensali: sette piccoli assaggi tanto belli da vedere quanto…

Palazzo Venart è uno spendido edificio del ’500, situato sul Canal Grande quasi di fronte al Casinò di Venezia, a cui una profonda ristrutturazione ultimata nel 2016 ha regalato ambienti interni di grande eleganza. Per la ristorazione la scelta della proprietà è caduta su uno dei più abili cuochi-manager del momento, il toscano Enrico Bartolini, che tra le sue doti migliori ha quella di circondarsi di collaboratori talentuosi. Ecco spiegata la posizione di executive-chef di Donato Ascani che in questo palcoscenico, grazie alla totale autonomia che gli viene riconosciuta, sta dimostrando non solo talento e creatività, ma anche competenze tecniche di primissimo piano. Lo dimostra il benvenuto con cui la cucina accoglie i commensali: sette piccoli assaggi tanto belli da vedere quanto buoni da mangiare. Il passo rimane sicuro addentrandosi nel menu: “acquadelle in salse”, piccoli pesci fritti abbinati a salse ed erbe diverse; seppia affumicata al mirto, piatto-firma dello chef; agnello delle Dolomiti lucane con peperone e dragoncello. Si chiude con un omaggio a Venezia, il “Marocchino”. Il servizio è giovane, professionale e cortese. La carta dei vini, ben strutturata, non si limita alle scelte convenzionali, ma spazia tra piccoli produttori artigianali. Due i menu degustazione: “Arte, orti e laguna” a 150 euro, e “Natura e origini”, un menu a sorpresa comprendente nove portate ‘istintive’, a 180 euro. Alla carta si spende intorno ai 160.