— Via Nazionale, 30
San Michele al Tagliamento (VE)
Al Cjasal
sempre
tutte
Turno di chiusura: lunedì a pranzo, mercoledì
Ferie: variabili 
Qui nascono piatti inediti e stagionali, sapori di terra e mare che risvegliano la memoria e gusti sorprendenti, realizzati con tecnica impeccabile, molta eleganza e ingredienti che arrivano da fornitori locali e dall’orto di proprietà…

Poco distante da Bibione, sulla riva destra del Tagliamento, veneziani e friulani si trovano d’accordo a tavola, nel ristorante che nasce dalla sapiente ristrutturazione di un tipico casale d’inizio ‘900. Spazi accoglienti, arredati con gusto e giardino rilassante. La cucina è una fucina di idee all’insegna di qualità, sapori autentici, esperienze e ricerca.

Sono una gran bella famiglia, i Manias! Enzo e la moglie Rosellina accolgono gli ospiti e narrano piatti e vini, supportati dallo staff, mentre i figli Stefano e Mattia accrescono la somma delle loro importanti esperienze in cucina. Ne nascono piatti inediti e stagionali, sapori di terra e mare che risvegliano la memoria, e gusti sorprendenti, realizzati con tecnica impeccabile, molta eleganza e ingredienti che arrivano da fornitori locali e dall’orto di proprietà. La carta essenziale consente di scegliere porzioni intere, mezze o cicchetti e così si aprono infiniti percorsi di degustazione. Il “cannolo veneziano” è un must: ripieno di baccalà mantecato, olive, cipolla e rapa rossa agrodolce.

Altri punti fermi sono il “pane e ragù”, un bombolone di pane fritto ripieno al ragù e polvere di latte, e la cjalda di mais con fagiolini o altre verdure di stagione, seppia cruda, schie e nocciola. La pasticceria si deve al tocco soave di Elena Falliero: la tartelletta ai quattro cioccolati è paradisiaca. La cantina racconta un centinaio di belle storie, vini “parlanti” anche al calice. Conto tra i 50 e i 60 euro.

Percorrendo l’autostrada Venezia-Trieste, uscire a Portogruaro e prendere la SS14 in direzione di via Nazionale/Strada Provinciale 73 a San Giorgio al Tagliamento-Pozzi.