Home » Arcugnano | Penacio Penacio

Arcugnano | Penacio

Penacio

Penacio

 Via Soghe, 62/A – 36057 Località Soghe, Arcugnano (VI)
0444273540  www.penacio.it
 Aperto: sempre – Turno di chiusura: mercoledì, giovedì a pranzo – Ferie: variabili a febbraio e a novembre
 Carte di credito: BM, CS, EC, MC   

Nella stagione fredda, nel piccolo caminetto a vista, girano capponi e la saporita carne di sorana mentre dal grande camino della cucina si espandono i profumi della selvaggina degli amici cacciatori…

L’armonia dei Colli Berici resiste alle ingiurie della storia e degli uomini e la loro bellezza rimane immutata sia nella buona stagione sia nei mesi invernali quando la brina e (raramente) la neve disegnano arabeschi da fiaba tra boschi e siepi. Cento milioni di anni fa qui dominavano i mari. Le rocce, nella maggioranza carbonatiche, di cui è fatta l’ossatura dei Monti Berici confermano un’origine marina dell’attuale sistema collinare. Se a questa ipotesi aggiungiamo il ritrovamento di numerosi organismi, animali e vegetali, allo stato fossile (molluschi, ricci di mare, coralli, alghe, ecc.) e la successione degli strati rocciosi, esito di un lento e costante processo di deposizione di sabbie, fanghi e frammenti di gusci di molluschi sul fondo di un mare, l’ipotesi diventa certezza. Imera e Roberto, nel loro caldo ed elegante locale che ha “sostituito” la tipica trattoria d’antan, raccolgono le erbe, i funghi e i frutti di stagione per abbinarli con antica sapienza e dimenticata armonia, a pasta, pesci e carni. Nella stagione fredda, nel piccolo caminetto a vista, girano capponi e la saporita carne di sorana mentre dal grande camino della cucina si espandono i profumi della selvaggina degli amici cacciatori. Dalla carta si spazia dallo sformato di funghi al vapore all’ottimo baccalà mantecato all’olio d’oliva di Nanto, dalla calda zuppa della casa ai succulenti bigoli al torchio con broccolo fiolaro, pancettone e filetti di alici. Il pesce è celebrato dalla padellata di gamberi e capesante su vellutata di patate di Rotzo e, tra le carni, spiedi a parte, si può gustare un ruspante galletto con scorze di agrumi in salsa di senape e pepe rosa. I dolci sono della casa e la cantina è ben fornita e ben curata. L’accoglienza e il servizio sono assicurati con solerzia e simpatia da figli e nipoti. Si spendono mediamente 45 euro per una sosta golosa.

Come arrivare. Dalla tangenziale che unisce i caselli di Vicenza Ovest ed Est prendere la deviazione per la Riviera Berica e quindi girare verso Arcugnano. Superata la frazione di Torri proseguire in salita verso le località Lapio e Soghe.