— Villa Goetzen
Via Matteotti, 2/c 30031 Dolo (VE)
Villa Goetzen
pranzo e cena
tutte
Turno di chiusura: giovedì, domenica sera
Ferie: una settimana in gennaio; tre in agosto
È un ristorante (con locanda) dall’ambiente intimo e curato nei dettagli, forte di una cucina che con audacia ha percorso i sentieri della ricerca senza mai perdere di vista il valore della tradizione. Prova ne sia che il piatto più identitario resta la…

Questa villa in riva al Brenta, con tanto di pontile per l’approdo delle barche (che con la bella stagione diventa un suggestivo dehors), ci racconta la storia della Riviera. Lo stile barocco, che la rende quasi una bomboniera, testimonia i fasti della Serenissima; il nome invece il passato austriaco (fino al 1866). Villa Goetzen è il sogno realizzato da Paolo Minchio, oste e ristoratore di lungo corso della Riviera. Ad aiutarlo in questo progetto, che da 25 anni è un’affermata realtà, è stata la famiglia: la moglie Paola e i due figli, Cristian e Massimiliano, che con passione hanno preso il testimone, rispettivamente, in sala e in cucina. Villa Goetzen è un ristorante (con locanda) dall’ambiente intimo e curato nei dettagli, forte di una cucina che con audacia ha percorso i sentieri della ricerca senza mai perdere di vista il valore della tradizione. Prova ne sia che il piatto più identitario resta la “zuppa di Papà Paolo”, fatta con tanti ingredienti e con una lavorazione particolare, di cui l’anziano genitore non ha mai svelato il segreto. Il crudo, invece, è l’apertura di orizzonte dei figli: dal tris di carpacci alla tartare di gamberi rosa. Tra i primi più originali il risotto con carciofi, gamberi e spuma di castagne. Sorprende la croccantezza dal cuore morbido dei fritti. Carta dei vini decisamente ricca di proposte, soprattutto in tema di bianchi e di bollicine, come si conviene in un ristorante di pesce. Il servizio è un punto d’onore dell’elegante locale. Circa 65 euro.