— Castello di Spessa Società Agricola
Via Spessa 1, 34070
Capriva del Friuli (GO)
Santarosa Pinot Bianco Doc Collio 2018
In vendita a circa 16 euro da:
Enoteca di Cormons - Piazza XXIV Maggio, 21, 34071 Cormons GO - 0481 630371
Enoteca Cebevino - Via Paolo Diacono, 9, 33010 Osoppo UD - 340 108 7315
Enoteca Baccus Bar – Via Fausta 100, 30013 Ca’ Savio - VE – 041 966106
L’Officina Wine Bar - Via Raffaele Pasi, 35, 36100 Vicenza VI

Tra i tanti ottimi vini, custoditi nell’antico maniero, spicca il Santarosa, un Pinot Bianco dai vigneti in quel di Capriva, che si fregia dei tre bicchieri con l’annata 2018. Le origini del Castello di Spessa si rintracciano già in epoca romana, quando è documentata la presenza di una torre d’avvistamento e di una fornace, mentre il maniero vero e proprio risale al 1200. Nei secoli, di famiglia in famiglia, al castello di Spessa sono stati ospitati personaggi celebri come Giacomo Casanova e Lorenzo Da Ponte. Poi, da un atto di fede verso la sua terra Loretto Pali – imprenditore in Friuli – fa partire negli anni Settanta il sogno-progetto che porterà l’azienda agricola Castello di Spessa ad essere un punto di riferimento dell’enologia friulana. Prima l’acquisto de La Boatina a Cormòns, poi del Castello di Spessa per un totale di oltre 80 ettari di vigneti (30 nei dolci rilievi dell’area doc del Collio e 55 nella zona doc Isonzo) contornati da un apparato produttivo dotato delle più moderne tecnologie. Qui, dove le uve sono coltivate con maestria, nascono anche i Cru che riposano e si affinano nelle antiche cantine duecentesche scavate sotto il castello a una profondità di diciotto metri. L’annata 2018 in sintesi: colore giallo paglierino con note dorate, al naso risulta ampio ed intenso con note tropicali e floreali dolci. Estremamente raffinato al palato con note fruttate di mela bianca, pera e floreali di fiori d’acacia. Morbido e vellutato, ha un’ottima persistenza. Ideale con antipasti leggeri a base di pesce, risotti delicati di pesce e piatti di pasta o minestre di verdura. Prosit.