— Orso Grigio
Via Regole, 10/12
Ronzone (TN)
Orso Grigio
sempre
tutte
Turno di chiusura: martedì; sempre aperto nei giorni festivi 
Ferie: variabili
Cristian ha creato uno stile country “noneso” dove tutto parla dei boschi e dei giacimenti golosi della valle. Mele, patate, speck e tante prelibatezze valorizzate o recuperate dalla cultura contadina di montagna. L’accoglienza però è tutt’altro che casual…

L’elegante cucina di montagna dei fratelli Bertol ha rappresentato per anni in Alta Val di Non, a pochi chilometri dal passo della Mendola, una felice enclave del gusto. Ieri come oggi il dominus dei fornelli è Cristian Bertol, un passato in ristoranti di Parigi, New York e Miami, che insieme al fratello gemello Renzo, patron della sala, ha raccolto l’eredità del padre e dato nuova linfa al ristorante di famiglia. Se ai vini della imponente cantina pensa Renzo (400 mq e 45.000 bottiglie), Cristian ha creato uno stile country “noneso” dove tutto parla dei boschi e dei giacimenti golosi della valle. Mele, patate, speck e tante prelibatezze valorizzate o recuperate dalla cultura contadina di montagna. L’accoglienza però è tutt’altro che casual e consegna gli ospiti a una sosta tipica di un relais. Il tovagliato bianco rende la tavola consistente, avvolgente e assai piacevole. Le praline di canederli con una fonduta di formaggio di malga sono un gradito saluto della cucina. I veli di foie gras con balsamico e insalatina, il carpaccio di canederli con crema di puzzone di Moena e rapa rossa, alcune delle ultime variazioni sui classici di casa. Ottimo il filetto di maialino locale in manto di speck e “rusticani”, prugne selvatiche di Ronzone. Si chiude con le “balotte di pomi”, perle di mele della Val di Non con crema di fragole e sorbetto alla frutta. Si beve assai bene, a prezzi corretti e potendo scegliere in una carta amplissima. Menu degustazione a 75 euro, alla carta un po’ meno.