— Baggio La Locanda dal 1978
Via Bassone 1
Asolo (TV)
Locanda Baggio
pranzo e cena
BM, CS, MC, VISA, EU
Turno di chiusura: lunedì
Ferie: variabili
Ermenegildo “Nino” Baggio è il vero e autentico chef patron, guida e si affida a una brigata di giovani cuochi che sanno lavorare bene sia i piatti della tradizione che ricette più contemporanee, come quelle del menu Sensazioni …

Nel nome c’è già tutto. Locanda richiama il senso di ospitalità non formale, un luogo dove vai per stare bene. Baggio è il nome della famiglia che dal 1978 porta avanti il ristorante alla periferia di Asolo. Ermenegildo “Nino” Baggio è il vero e autentico chef e patron. Il cuoco che raggiunge la brigata per la fase delle preparazioni e la lascia temporaneamente per salutare l’ospite che entra nel ristorante. Con lui c’è in sala la moglie Antonietta e la figlia Cristina, che si occupa della ragguardevole carta dei vini. Chi arriva ad Asolo non vuole solo contemplare le perle di uno dei borghi più belli d’Italia ma viene ad assaporare una cucina di tradizione, veneta più che trevigiana. Ci può essere lo spiedo, che è il piatto forte dell’Alta Marca, ma anche il pesce che arriva dalla laguna, dall’Adriatico o anche il meno nobile ma non meno saporito pesce di lago. Dal 2020, questo locale ha innestato una marcia in più, grazie a un lavoro agli ambienti (la cucina a vista) e al menu, integrando piatti e percorsi più contemporanei grazie all’intervento del cuoco padovano Roberto Zanca. Oggi Nino Baggio guida e si affida a una brigata di giovani (Federico Ramin, Matteo Ruviero, Isacco Torresan e Alessandro Pozzobon) che sanno lavorare bene sia i piatti della tradizione (come la Sopa coada o la Faraona) che ricette più contemporanee, come quelle del menu Sensazioni (65 euro), che ha rivisitato lo storico piatto Lingua e cuore e introdotto fra le entrées il trancio di tonno a crudo e scaloppa di foie gras.