— Via Loggia, 10
Malo (VI)
Le Andrianelle
sempre; da martedì a venerdì solo su prenotazione
tutte
Turno di chiusura: lunedì, sabato a pranzo, domenica sera
Ferie: prime due settimane di gennaio, le due centrali di agosto
Come un tempo che fu, quando trattorie, osterie e locande rappresentavano punti di ritrovo per gli abitanti e, allo stesso tempo, “finestre sul mondo”, sapendo ospitare viandanti e curiosi. A guidare la brigata di cucina, e non solo, Amedeo Baio, solido giovane cuoco...

Fascino antico e moderne virtù: la piazzetta di Via Liston ha ripreso nuova vita, merito sicuramente dell’elegante recupero, ma anche della linfa vitale trasfusa da una squadra giovane e piena di vita (e di esperienza) che fa funzionare le belle camere, la cantina e, soprattutto, il ristorante. E questo è stato lo spirito che ha guidato la ristrutturazione della casa de “le Andrianéle”. La missione era, appunto, il recupero di una raffinata magione dell’800 per restituire alla comunità locale una struttura ricettiva che rispecchiasse fedelmente la tradizione del territorio.

Come un tempo che fu, quando trattorie, osterie e locande rappresentavano punti di ritrovo per gli abitanti e, allo stesso tempo, “finestre sul mondo”, sapendo ospitare viandanti e curiosi. A guidare la brigata di cucina, e non solo, Amedeo Baio, solido giovane cuoco della pedemontana vicentina con alle spalle esperienze importanti alla Locanda di Piero e a Brusaporco da Vittorio. Le sue mani sono solide come le sue spalle, ma la presentazione dei piatti e la combinazione dei profumi e dei sapori hanno un perfetto equilibrio e le consistenze rassicuranti di una tecnica sopraffina.

Basta assaggiare le linguine con acciughe del mar cantabrico, cocco, aneto e pane aromatizzato al caffè e ostrica o il risotto “Acquerello” al prezzemolo, lumache, caviale e spuma d’aglio rosso. E poi il trionfo delle buone carni (costolette di agnello “Merino”) e dei pesci saporiti (mazzancolle “Porto Santo Spirito”) nel forno a brace di Paolo Parisi. Menu degustazione a 45 euro; alla carta circa 50 euro.

Percorrendo la strada che collega Vicenza a Schio, all’ingresso dell’abitato di Malo girate a sinistra e, in cinque minuti, arriverete a destinazione.