— Strada Col Alt, 105
Corvara in Badia (BZ)
La Stüa de Michil
la sera
tutte
Turno di chiusura: domenica
Ferie: da fine marzo a metà giugno, da metà settembre ai primi di dicembre
In poco più di un lustro Nicola ha tracciato la sua filosofia percorrendo due strade che spesso si incrociano: quella della tradizione, con i sapori marcati delle animelle di vitello al burro, tuberi, spuma di mandorla e tartufo nero, e quella più internazionale, con qualche tocco di sapori mediterranei…

“Su roccia dolomitica abbiamo scritto il Vostro nome”: un motto, una missione. La magnifica stube del 1800, della quale Michil è stato mente e cuore, è sempre un “rifugio” caldo e confortevole. Tutta in legno di cirmolo, 12 raffinati tavoli (ri)distribuiti in tre piccole sale, è ancor più bella dopo il maquillage della scorsa primavera. Un’enclave esclusiva (regia di Paolo Baraldi) che vede ai fornelli Nicola Laera, un giovane della Val Badia per metà badïòto e per metà pugliese.

Hotel La Perla significa eleganza e raffinatezza: dal ricevimento alle romantiche camere, fino a Les Stües racchiuse in legni antichi e impreziosite da cristalli, porcellane e fiori. In poco più di un lustro Nicola ha tracciato la sua filosofia percorrendo due strade che spesso si incrociano: quella della tradizione, con i sapori marcati delle animelle di vitello al burro, tuberi, spuma di mandorla e tartufo nero, e quella più internazionale, con qualche tocco di sapori mediterranei come il ‘bottone’ ripieno di pollo ruspante, fiocchi di tonno Bonito e prugna fermentata. Non può mancare la selvaggina valligiana con il capriolo in due portate: sella in rosa in crosta di pane e ossobuco con gremolada e albicocche al vino.

La buona sacher è della casa. La cantina, sempre più imponente (30.000 bottiglie – 2.000 etichette), è ora affidata a Michele Albertelli, mentre le sale sono tutte in mani femminili, giovani e promettenti. Un menu degustazione (6 o 8 portate) a 129 e 139 euro; alla carta circa 120. Molto meno al bar-bistrot, aperto anche a mezzogiorno.

Alla fine della A 27 (Mestre-Belluno) girate in direzione di Arabba. Valicato il passo di Campolongo sarete a Corvara. Dall’Autobrennero uscite a Bressanone e imboccate la Val Pusteria. Prima di Brunico, sula sinistra, si trova il bivio per la Badia. In 45 minuti sarete a destinazione.