— Calle Vallaresso, 1323 (Piazza San Marco)
Venezia (VE)
Harry’s Bar
sempre (dalle 10.30 alle 23)
tutte
Turno di chiusura: mai
Ferie: mai
Da questo locale è partito il lancio del “made in Italy” gastronomico che ha fatto fortuna nel mondo con il marchio “Cipriani”. Piatti e prodotti ormai conosciuti ovunque li trovate nel menu del ristorante, a iniziare dal cocktail “Bellini” fino al…

Più che un ristorante, il locale è un pezzo di storia e, soprattutto, dell’anima di Venezia. Per due motivi. Primo, perché ai suoi tavolini in 88 anni si sono seduti scrittori, attori e vip celebri in tutto il mondo. Qualche nome: Orson Welles, Ernest Hemingway (che durante il suo soggiorno veneziano nei primi anni Cinquanta scrisse “Di là dal fiume, tra gli alberi”), Sinclair Lewis, il principe Ranieri di Monaco, Woody Allen (che una volta rimproverò una sua vicina di tavolo: “Signora, la smetta di fissarmi”), Maria Callas.

Secondo: perché da questo locale è partito il lancio del “made in Italy” gastronomico che ha fatto fortuna nel mondo con il marchio “Cipriani”. Piatti e prodotti ormai conosciuti ovunque li trovate nel menu del ristorante, a iniziare dal cocktail “Bellini” fino al “Carpaccio”, due pittori diventati sinonimo di gusto; e poi gli scampi alla Thermidor, i tagliolini gratinati, il fegato alla veneziana… sono solo alcune delle pietanze di una lista lunghissima, ricca di suggestioni.

Lui, Arrigo Cipriani (over 80), mantiene saldo nelle mani il timone del ristorante: o meglio della “stanza”, come la chiama. In verità il locale si articola su due livelli, con un’atmosfera più intima a piano terra e più emozionate al primo, grazie a uno splendido panorama di Venezia, in particolare sulla chiesa della Salute. Il conto per toccare con mano il mito può facilmente arrivare a 150 euro: ma i menu degustazione (dai 65 ai 95 euro) soccorrono a trasformare il desiderio in realtà.

Da Piazzale Roma o dalla Ferrovia con una passeggiata sempre irripetibile. In vaporetto con destinazione San Marco. Calle Vallaresso si trova appena fuori del colonnato che circonda Piazza S. Marco.