— Piazza dei Signori, 1
Vicenza
El Coq
la sera
tutte
Turno di chiusura: lunedì
Ferie: variabili
Il territorio è sempre presente, ma la valigia del globe-trotter del gusto che Lorenzo Cogo possiede gli permette di scoprire nuove strade che tracciano l’internazionalità del suo pensiero. Il piccante, l’amaro, l’acido, il sapido e il dolce giocano a rincorrersi nel…

Piazza dei Signori, una bomboniera nel cuore di Vicenza: da una parte la Basilica Palladiana, dall’altra il “Garibaldi” che ospita, al primo piano, il ristorante El Coq, alla cui guida c’è Lorenzo Cogo. Per gli appassionati gourmet c’è la possibilità di stare allo chef-table, con vista cucina per assaporare anche con gli occhi. E si nota con quanta naturalezza e semplicità di gesti si muova il giovane, ma già famoso, cuoco che ha nel dna l’arte della cucina.

La padronanza del mestiere è solo di supporto alla completa realizzazione del piatto e, quindi, la tecnica diventa un mezzo al servizio della missione e non un esercizio stilistico fine a se stesso. Il puledro di razza è diventato in fretta un cavallo vincente. La cucina è elegante, raffinata, molto spesso giocata nel mettere insieme ingredienti di difficile accostamento, ma il cui esito è di grande equilibrio e concretezza.

Il territorio è sempre presente, ma la valigia del globe-trotter del gusto che lui possiede gli permette di scoprire nuove strade che tracciano l’internazionalità del suo pensiero. Il piccante, l’amaro, l’acido, il sapido e il dolce giocano a rincorrersi nel King crab (chili, gazpacho di mandorle, olive, capperi), mentre ogni boccone del riso alle spezie orientali, riduzione di peperone giallo, segmenti di limone a crudo e limone salato sprigiona in bocca un caleidoscopio di sapori. Il petto d’anatra ai tre agli è burroso e goloso. Cantina in continua crescita. Due i menù degustazione: 5 portate a 130 euro; 8 portate a 150; alla carta circa 100,00 euro.

Piazza dei Signori è il cuore e il salotto della città. Lasciate l’auto in uno dei pargheggi che circondano il centro storico e godetevi, a piedi, la città del Palladio.