— Ca' 7
Via Cunizza da Romano, 4
Bassano del Grappa (VI)
Ca’ 7
sempre
tutte
Turno di chiusura: domenica sera e lunedì
Ferie: prima settimana di gennaio, due settimane a ferragosto
Una “cucina semplice ma non semplificata” come dichiarato e come dimostrato dai piatti presenti in menu. Sempre in carta i “floreali” scampi crudi marinati al miele e limone che hanno un posto d’onore nei nostri cuori ma…

Alex Lorenzon, il geniale fantasista del pesce di mare, che non trascura le trote del Brenta e i prodotti del territorio, continua la sua sicura marcia tra le mura di quello che fu il quartier generale di Napoleone durante la battaglia del Brenta del 1796. Ora la bella casa del ‘700 ospita l’Hotel Villa Ca’ 7, un insieme di tre corpi finemente recuperati (villa, casa colonica e barchessa), circondati da un luminoso parco. La sala del caminetto, il portico e la veranda ospitano gli appassionati della cucina creativa del cuoco che affianca la sua grande passione marinara a quella per i prodotti targati Bassano, i famosi asparagi bianchi in primis. Non a caso nel menu campeggia il marchio dell’Alleanza tra i cuochi italiani e i Presidi Slow Food. Una “cucina semplice ma non semplificata”, come dichiarato e come dimostrato dai piatti presenti in menu. Sempre in carta i “floreali” scampi crudi marinati al miele e limone che hanno un posto d’onore nei nostri cuori ma, stimolanti emozioni arrivano anche dal cannolo croccante con burrata affumicata e melanzane. Tra primi piatti che si stampano nella memoria ci sono gli spaghetti alla chitarra al prezzemolo con lattuga, granseola, battuto di scampi e gamberi rossi, o gli agnolotti grigliati con crostacei, fumetto di soja e frutta, che marcano l’innata creatività del cuoco. Non mancano mai il gran fritto di pesce alla “venexiana” e l’astice in due tempi, con verdure cotte e crude: chele bollite e coda d’astice alla griglia. Cantina che conta più di 250 referenze con molte bollicine. Servizio spigliato e cortese. Circa 70 euro.