— Via Cavour, 34
Rivignano (UD)
Al Ferarut
sempre
tutte
Turno di chiusura: mercoledì tutto il giorno; giovedì a pranzo
Ferie: variabili a giugno
L’atmosfera è calda e rassicurante, merito dell’accoglienza schietta e gentile di Annamaria e dei fiori freschi che sempre ingentiliscono le sale. Il cuoco (e paron) interpreta anche i piatti più classici con tecnica precisa e con abbinamenti curiosi e golosi…

Il Parco dello Stella, i grandi alberi e i generosi corsi d’acqua fanno da sfondo a un paesaggio agreste e la terra della bassa pianura friulana fa da ideale cuscinetto fra la montagna e il mare, dove gli elementi della natura convivono in una pace serena. Territorio, tradizioni, sapori ancestrali sono il bagaglio culturale di Alberto Tonizzo, già allievo di Igles Corelli.

Qui la filosofia della cucina attinge autenticamente e abbondantemente dalla memoria, dai frutti della terra arrivando fino al mare: le stagioni e la qualità dei prodotti sono i cardini portanti. L’atmosfera è calda e rassicurante, merito dell’accoglienza schietta e gentile di Annamaria e dei fiori freschi che sempre ingentiliscono le sale. Il cuoco (e paron) interpreta anche i piatti più classici con tecnica precisa e con abbinamenti curiosi e golosi come potrete verificare con la “medusa alle seppie sporche”, un bel gioco tra seppie, ricci di mare, capperi di Pantelleria e alghe condite.

Nella saletta che racchiude il tipico fogolar friulano o nella sala più grande ed elegante sarete gratificati dai freschi sapori del mare e dai sapidi profumi della terra ferma come negli gnocchi di pesche tabachine, caviale friulano, ricotta agli agrumi e salsa d’aneto. Di lussuriosa bontà l’anguilla al salto con pelle soffiata. Per i carnivori impenitenti c’è la tenera vitellina alle erbe profumate. Dolci soavi e delicati. Nel caveau della ricca cantina (che spazia nel mondo) sono allineate oltre 600 etichette famose per nome ed età. Il servizio al bicchiere è ottimo. Circa 80 euro.

Da Venezia: uscita barriera Latisana, a sinistra, seguire indicazioni per Rivignano. Lasciato il centro abitato, dopo poche centinaia di metri lo troverete sulla destra.