Home » Schiavo, non di sola grappa…

Schiavo, non di sola grappa…

Non stanno alla finestra i tre moschettieri della linea Gagliardo. Come loro costume, stanno mettendo a soqquadro, nel senso più brioso del termine, tutti i bar dove fanno la loro comparsa.
La distilleria Schiavo, già famosa per le sue grappe che zampillano profumate dagli storici alambicchi, ha deciso di affrontare i consumatori più giovani con una nuova linea di prodotti con un nome che non può lasciare dubbi: Gagliardo. Conquistando subito la fiducia dei più noti barman sparsi per lo stivale italico. Tre moschettieri, come mi piace definirli, perché possono “recitare” da soli, in particolare il Bitter Radicale e il Fernet Radicale, o diventare immediatamente i protagonisti, come nel caso del Triple Sec Radicale, in cocktail agitati negli shaker da famosi bartender. La “gestazione” è uguale per tutti tre: infusione per tre settimane di piante aromatiche, spezie ed erbe officinali rimescolate a mano con la tecnica del bâtonnage. Ma i sapori cambiano. Ingredienti di prima scelta che regalano al Fernet un aroma erbaceo che richiama anche la menta glaciale e un gusto di genziana, liquirizia e note di zafferano. Il Bitter rosso cocciniglia dalle note speziate che ricordano l’arancio lascia al palato una lunga traccia amaricante. Ed, infine, il Triple Sec esprime, a naso e palato, tutta la freschezza e la fragranza del bergamotto, dell’arancia dolce e amara, del lime e del mandarino tardivo di Ciaculli. La festa può cominciare.

www.schiavograppa.cominfo@schiavograppa.com