Home » Padova | Osteria dell’Angolo Osteria dell'Angolo

Padova | Osteria dell’Angolo

Osteria dell'Angolo

Osteria dell'Angolo

 Via Bonafede, 1  35126 Padova (PD)
 0490980158 |  www.osteriadellangolo.it osteriadellangolo@gmail.com
 Aperto: sempre Turno di chiusura: domenica sera e lunedì Ferie: variabili
 Carte di credito: tutte   

La vocazione dell’osteria è “marinara”. Territorio e tradizione sono proposti con leggerezza, buona tecnica e grande attenzione a rispettare i sapori primari. Bella e curata anche la composizione dei piatti…

L’Osteria dell’Angolo, che si chiama così anche perché sorge all’angolo (appunto) tra via Bonafede e via Facciolati, in realtà è la gemella dell’Osteria dell’Angolo di Rio de Janeiro, locale che nel cuore di Copacabana è segnalato tra i migliori ristoranti carioca. Una spiegazione c’è: i proprietari sono gli stessi, il veneziano Alessandro Cucco (che vive a Rio) e il padovano Flavio Fioretto (che gestisce il locale di Padova). Due storie e due percorsi personali, sorretti da una grande passione verso la cucina. Cucco in Brasile ha costruito il suo successo grazie alla “saudade” (nostalgia, ricordate la Bossa Nova? Musica che ne è pervasa) dei sapori della laguna veneta. Fioretto su questi valori ha dato spessore all’osteria padovana. L’Osteria dell’Angolo di Padova è un locale raccolto che in qualche anno di attività si è segnalato, oltre che per la cucina buona e sana, anche per la sua sobria eleganza, a cominciare dall’ambientazione molto intima, con spazio anche per i fiori sempre freschi sul bancone del bar. Un posticino adatto a incontri di cuore. In cucina c’è Fabio Entiani, piemontese di navigata esperienza. La vocazione dell’osteria è “marinara”. Territorio e tradizione sono proposti con leggerezza, buona tecnica e grande attenzione a rispettare i sapori primari. Bella e curata anche la composizione dei piatti. Spaghetti alla bottarga, risotto al nero, composizione di crudi, gran catalana, capesante ai tre sapori, millefoglie di baccalà mantecato con pesto di olive e capperi. E poi il gran fritto dell’Adriatico. Carta dei vini ampia, con particolare attenzione ai bianchi e alle bollicine. Conto sui 45 euro.

Come arrivare. Il locale si trova in un quartiere residenziale poco lontano dal centro di Padova (zona ospedale). Vi si arriva lasciando la circonvallazione e imboccando via Facciolati. Casello autostradale consigliato: Padova Est sulla A4 o Padova Sud sulla A13.