Home » Cavallino Treporti | Osteria Ai Do Campanili Osteria Ai Do Campanili

Cavallino Treporti | Osteria Ai Do Campanili

Osteria Ai Do Campanili

Ai do campanili

 Piazza SS. Trinità, 5 – 30013 Cavallino Treporti (VE)
 0415301716   www.aidocampanili.it info@aidocampanili.it
 Aperto: sempre, ma si consiglia la prenotazione – Turno di chiusura: mercoledì – Ferie: variabili 
 Carte di credito: tutte   

Martino Scarpa rappresenta una garanzia. Il suo è uno stile fatto di grande rispetto per una materia prima che in questa zona è davvero eccellente, si tratti dei prodotti del mare o di un’agricoltura che regala squisite concentrazioni…

È sempre un piacere scoprire il mondo ancora poco esplorato che si cela oltre il Lido di Jesolo. A una ventina di chilometri dalla trafficatissima e caotica località turistica con la sua movida estiva, si trova infatti la splendida area ancora incontaminata della Laguna Nord di Venezia. A Treporti, il piccolo centro che la presidia, ha sede questo accogliente ristorante che deve il suo nome ai due campanili uno accanto all’altro nella piazza antistante. In cucina Martino Scarpa rappresenta una garanzia. Il suo è uno stile fatto di grande rispetto per una materia prima che in questa zona è davvero eccellente, si tratti dei prodotti del mare o di un’agricoltura che regala squisite concentrazioni. Come nel caso della tartare di tonno con cremoso di carciofi di Saccagnana ed erbette di barena, dove nessun ingrediente è lasciato al caso. Ancora, l’ottima cheviche di sgombro con asparago bianco, emulsione alla senape e burro alle mandorle. Vero e proprio omaggio alla gola sono gli spaghettoni con “sarde salate e non” mantecati al burro di Normandia e pan grattato. Eleganti anche gli gnocchi di fave con battuta di branzino al profumo di Pecorino. Tra i secondi è interessante la piovra scottata e glassata con asparagi e soffice di patate. Una bellissima sorpresa arriva dal sontuoso “piccione & passione”, piatto in cui la carne del volatile è di splendida consistenza. I dolci non mancano di golosa originalità, come il notevole biscotto “zaeto” con panna cotta ai carciofi, cremoso al cioccolato bianco, salsa agli agrumi ed erba luigia. La carta dei vini, molto ben articolata e il servizio di squisita cortesia sono appannaggio di Nicola Bacciolo e del suo sorridente, giovane staff. Due i menu degustazione a 60 e 80 euro, se ne spendono circa 60 alla carta.

Come arrivare. Ci si allontana dall’affollata Jesolo attraverso strade di campagna, oppure ci si imbarca a Venezia per approdare poco distante, in uno scenario d’antan punteggiato da case basse, campi coltivati, prati e alberi.