Home » San Quirino | La Primula La Primula

San Quirino | La Primula

La Primula

La Primula

 Via San Rocco, 47 – 33080 San Quirino (PN) 
 043491005 |  www.ristorantelaprimula.it |  info@ristorantelaprimula.it
 Aperto: dal martedì al sabato solo la sera, domenica a pranzo – Turno di chiusura: domenica sera e lunedì – Ferie: le due settimane centrali di gennaio, tutto luglio
 Carte di credito: tutte – Jeunes Restaurateurs d’Europa   

Sono golosi e fragranti i calamaretti spillo grigliati, con soffice di erbe selvatiche e, nella stagione giusta, non vi sfugga la freschezza del sushi d’asparagi bianchi e pesce crudo dell’Adriatico. Tra i piatti che onorano il territorio ecco gli gnocchi…

San Quirino, la terra dei templari, recita il cartello stradale che accoglie i viaggiatori in questa piccola graziosa cittadina del pordenonese. Alla fine dell’ottocento il comune di San Quirino contava circa 2750 abitanti. Un insediamento abitativo in epoca romana è attestato da numerosi reperti mentre i Templari sono segnalati nel 1219 e da allora campeggiano sullo stemma. Il locale di Andrea Canton e della sua famiglia è un baluardo ormai storico di questa zona, non particolarmente generosa con la ristorazione di alto livello. Una tecnica solida, sviluppata in anni di esperienze anche importanti in Italia e all’estero, consente al cuoco di maneggiare con maestria le migliori materie prime, sia che provengano dal vicino Adriatico, sia che arrivino dal territorio. I piatti sono di concezione moderna, mai però oltre una sensata rivisitazione o un’interpretazione originale: i gusti rimangono nitidi e facilmente identificabili. Sono golosi e fragranti i calamaretti spillo grigliati, con soffice di erbe selvatiche e, nella stagione giusta, non vi sfugga la freschezza del sushi d’asparagi bianchi e pesce crudo dell’Adriatico. Tra i piatti che onorano il territorio ecco gli gnocchi d’Ovoledo con lumache e aglio orsino e un piccione al forno con le morchelle e salsa al profumo di salvia da leccarsi i baffi. I dolci non sono da meno a partire dal croccante alla nocciola, il suo gelato cremoso al cioccolato fondente o i sorbetti secondo stagione. La cantina, governata con passione e competenza da Pier Dal Mas e Marco Canton, è infinita contando 1.600 referenze con vini di grande spessore e per tutte le tasche. Allo stesso modo il servizio è tanto cordiale quanto solerte. Il menu ‘tradizione e creatività’ costa 75 euro; alla carta il conto si aggira sui 70 euro.

Come arrivare. Percorrendo la A27 prendere la direzione Conegliano/Portogruaro e subito girare a destra verso Portogruaro. Al casello di Godega uscire in direzione di Porcia e, quindi, girare a destra verso Pordenone. Attraversata la città continuare sulla SS. 13 e quindi percorrere la SP 31 sino a San Quirino.