Home » Fojaneghe Rosso 2012 – Rosso Vigneti delle Dolomiti I.G.T

Fojaneghe Rosso 2012 – Rosso Vigneti delle Dolomiti I.G.T

  Cantina Bossi Fedrigotti | Via Unione, 43 – 38068 Rovereto (TN)
 0464439250 |  vinifedrigotti@fedrigotti.it | www.bossifedrigotti.it
 In vendita a circa 17,50 euro da: Enoteca Franzelli – Viale Ratisbona, 4 – 39042 Bressanone (BZ) – Tel. 0472832086 | Vinicola Albertin – Via Ortwein Magnus, 5 – Merano (BZ) – Tel. 0473237641 | Bere Bene – Viale dell’Ippodromo, 2/3 – Trieste – Tel. 040390965   

1961: un nobile bordolese a Rovereto 

300 m s/m, un terreno collinare basaltico-calcareo, una buona escursione termica e una ideale ventilazione indotta dal Lago di Garda: saranno state queste eccellenti quattro motivazioni a ispirare Federico Bossi Fedrigotti a creare il primo uvaggio bordolese d’Italia chiamandolo Fojaneghe. Sono più 300 anni che i Bossi Fedrigotti producono vini sempre più importanti e, da alcune vendemmie, la loro strada si è felicemente incrociata con la professionalità delle cantine Masi, altro nome illustre della storia meravigliosa del vino. L’annata 2012 (45% Merlot, 40% Cabernet Franc, 15% Teroldego)  è frutto di una vendemmia che ha registrato una perfetta maturazione delle uve che ha regalato al vino colori e sapori. E proprio l’inserimento del Teroldego, nell’uvaggio, conferisce a questo grand cru trentino quel tocco di territorialità e di attualità che lo rende ancor più apprezzato. Dopo 18 mesi in barrique di rovere francese e 12 (minimo) in bottiglia, colpisce per il colore rosso rubino con riflessi violacei; il naso viene gioiosamente solleticato da note di frutta a bacca nera, come frutti di bosco e amarene, accompagnate da delicate note vegetali e da un leggero sentore di vaniglia; il palato è gratificato da un corpo deciso, con tannini ben presenti ma morbidi e bilanciati. Il finale di frutti di bosco e vaniglia è piacevole e persistente. Un leader predestinato. Si accompagna bene alle carni rosse, alla selvaggina e ai formaggi stagionati o piccanti. Una annata straordinaria che in cantina può vivere benissimo fino ai vent’anni, senza le ingiurie del tempo. Prosit.