Home » Il buon baccalà non ha stagioni

Il buon baccalà non ha stagioni

baccalà

Il baccalà, stoccafisso o merluzzo, come lo si voglia chiamare, è entrato nel nostro DNA dal 1432 quando il nobile Pietro Querini tornò dalle isole Lofoten con questo pesce sconosciuto del Mare del Nord. Da oltre mezzo secolo la famiglia Tagliapietra segue quella rotta per rifornire le nostre case, oltre che i ristoranti e le gastronomie, con il miglior baccalà selezionato direttamente in Norvegia dagli eredi del fondatore (Valentina, Luca e Daniele). E per favorire il consumo famigliare, la loro passione unita alla ricerca ha generato la punta di diamante dell’azienda, il marchio “Prontocuoci”, una linea di baccalà e stoccafisso di altissima qualità. I pesci, scelti direttamente alle isole Lofoten, sono cotti al vapore, senza l’aggiunta di additivi e messi sottovuoto con un grande risultato: la riduzione dei tempi di preparazione e cottura senza nulla perdere della bontà di un “nostro” grande piatto. I prodotti Tagliapietra sono in vendita nei principali supermercati del Nordest completi di ricettario (www.tagliapietrasrl.com). Si può scegliere il baccalà e lo stoccafisso ammollato, fresco o sottovuoto, ma anche lo scorfano atlantico, le capesante del palombaro, le conserve di acciughe, lo sgombro sott’olio, le sarde e le aringhe sotto sale. E per chi vuole godere del merluzzo rivisitato in maniera creativa dai grandi cuochi della nostra terra, basta prenotare una delle cene organizzate in occasione del “Festival Triveneto del Baccalà Trofeo Tagliapietra” (www.festivaldelbaccala.it) che si svolge da settembre a dicembre in molti ristoranti delle Tre Venezie. Ma anche seguire le tappe di “Baccalando”, gli aperitivi creativi a base di baccalà. Buon appetito.